Alcuni servizi Apple non saranno disponibili in Cina

La Cina potrebbe diventare un serio ostacolo per Apple anche per quanto riguarda le entrate derivanti dai servizi. Ecco perché.

Malgrado un calo delle entrate derivanti dalle vendite degli iPhone, Apple è riuscita comunque ad aumentare i suoi proventi trimestrali grazie soprattutto ai servizi, che ormai rivestono un ruolo fondamentale per l’azienda. Tra questi, però. molti non sono disponibili in Cina.

Nel quarto trimestre fiscale 2019, Apple è infatti riuscita a generare 64 miliardi di dollari di entrate e utili pari a 3,03 dollari per azione. In questo periodo, la gamma di servizi Apple ha generato ricavi per 12,5 miliardi di dollari, molti in più rispetto ai 9,9 dell’anno precedente. .

Detto questo, c’è però un ostacolo che potrebbe impedire ad Apple di sfruttare a pieno il potenziale economico dei suoi servizi. E l’ostacolo si chiama Cina. Come riferito da Bloomberg, diversi servizi non sono disponibili in Cina a causa delle restringenti leggi locali.

Ad esempio, in Cina non sono e non saranno disponibili Apple TV+ e Apple Arcade. Al momento mancano anche Apple Card (difficile che arrivi in breve tempo) e Apple News+, servizio che difficilmente sarà disponibile in Cina vista la censura sui media portata avanti dal governo.

La Cina è innegabilmente un enorme mercato per Apple, e la mancanza di questi servizi si traduce in minori entrate annuali per l’azienda. Tutto questo, in un mercato sempre più complesso anche per quanto riguarda le vendite degli iPhone.

News