Google Chrome senza WEbKit e con motore Blink, ecco come va su iOS

Diamo uno sguardo alla prima versione di Chrome per iOS con il browser engine Blink.

Google ha avviato i lavori di sviluppo per portare il motore del browser Blink di Chrome su iOS rispetto alle attuali regole dell’App Store.

chrome ios blink

Il mese scorso, Google ha svelato l’intenzione di portare il motore del browser Blink, utilizzato da Chrome e altri browser basati su Chromium come Edge e Opera, su iOS. In base alle attuali politiche dell’App Store, tutti i browser Web per iPhone e iPad devono utilizzare la versione integrata di WebKit, in modo tale che tutti i browser si comportino come Safari.

Poiché tali regole sono ancora in vigore, Google ha chiarito che non ci sono piani per lanciare effettivamente alcun tipo di browser basato su Blink sull’App Store. Detto questo, Apple sembra intenzionata ad allentare le restrizioni su App Store sui browser, così da consentire l’utilizzo di engine diversi da WebKit.

Testando già da ora Blink su iOS, Google può dimostrare correttamente i vantaggi di Blink/Chrome rispetto a WebKit/Safari su iOS, rendendo anche più facile il potenziale passaggio a un browser Chrome completo.

Nelle settimane trascorse dall’annuncio del progetto, Google ha lavorato sodo per ottenere un browser “content_shell” semplificato e funzionante in iOS e risolvere i problemi di sviluppo.

Come parte di quel processo di correzione dei bug, alcuni sviluppatori hanno persino condiviso screenshot del browser basato su Blink in esecuzione su un iPhone 12.

Nelle immagini, possiamo vedere alcuni esempi di Ricerca Google che funziona come previsto, senza problemi evidenti. Sopra il contenuto della pagina, si può vedere una semplice barra blu contenente la barra degli indirizzi e i tipici controller del browser come indietro, avanti e aggiorna.

chrome blink
Da questi screenshot work-in-progress, sembra chiaro che il progetto Blink per iOS stia già facendo progressi significativi, ma è chiaramente un prototipo non pensato per essere utilizzato come un browser web completo. Il prossimo passo più importante che Google ha stabilito è garantire che questa versione di Blink/Chromium per iOS superi tutti i test per assicurarsi che tutti gli aspetti del browser funzionino correttamente.

Nel frattempo, i singoli sviluppatori stanno utilizzando questo prototipo di browser basato su Blink per navigare semplicemente sul Web e vedere quali tipi di problemi potrebbero emergere. Ad esempio, il team si è reso conto che alcuni siti Web controllano se un browser è in esecuzione su un iPhone e disabilitano esplicitamente alcune funzionalità che non sono disponibili tramite Safari/WebKit.

Se una versione di Chrome basata su Blink dovesse mai essere effettivamente lanciata su App Store, gli sviluppatori potrebbero dover aggiornare i propri siti Web per supportarla correttamente.

PromoProva Audible fino a 3 mesi gratis!
Anteprime