Come è nato l’iconico design del primo iPod

Come è nata l'idea del primo iPod, un dispositivo che rimarrà nella storia come una delle icone del 21º secolo.

Apple ha annunciato la fine dell’era iPod, visto che gli ultimi iPod touch saranno disponibili solo fino a esaurimento scorte. Ma come è nato il primo iPod e quali sono gli aneddoti meno conosciuti sulla sua creazione?

iPod

Nel suo nuovo libro After Steve: How Apple Became a Trillion-Dollar Company and Lost Its Soul, Tripp Mickle racconta la storia di come è nato l’iPod.

È stato Steve Jobs il primo a fare pressioni affinché Apple creasse un lettore musicale portatile, poiché “il nascente mercato degli MP3 ha acceso i sogni di un Sony Walkman di prossima generazione“. Il progetto è andato effettivamente avanti quando il capo dell’ingegneria hardware di Apple, Jon Rubinstein, ha scoperto che Toshiba aveva creato un nuovo tipo di unità disco in miniatura che poteva contenere fino a mille brani, spingendo Apple ad acquistare i diritti su ogni disco realizzato da Toshiba.

La prima rivelazione del libro di Mickle è che la caratteristica di design più iconica dell’iPod, la rotellina circolare utilizzata per scorrere i brani e navigare nei menu, è stata in realtà un’idea del capo marketing di Apple Phil Schiller e non di Jony Ive. Schiller stesso ha confermato la storia proprio questa settimana, quando ha rivelato che aveva pensato al “volante” come un input, mostrando a Jobs un vecchio telefono cordless DECT Bang & Olufsen in una delle prime riunioni dedicate all’iPod.

Mickle dice che a Ive è stato consegnato il pacchetto di ingredienti e ha avuto il compito di creare il design. Quello definitivo gli è venuto in mente durante i suoi spostamenti quotidiani tra San Francisco e Cupertino:

Il concept sul design ha colpito Ive durante i suoi spostamenti quotidiani tra San Francisco e Cupertino. Mentre meditava su come conferire fascino estetico ai vari componenti, ha immaginato un lettore MP3 in bianco puro con un lato posteriore in acciaio lucido. Il metallo era significativo, perché doveva fornire un peso che avrebbe trasmesso la quantità di lavoro che gli artisti hanno messo nelle migliaia di canzoni contenute nel dispositivo, mentre il lettore bianco e le cuffie rendevano il dispositivo allo stesso tempo audace e poco appariscente, inserendolo tra il nero originale del Sony Walkman e i suoi brillanti successori gialli.

Eppure, malgrado il design del primo iPod sia entrato nella storia e abbia ispirato tanti altri dispositivi (non solo Apple), l’idea originale non era piaciuta a tutti. Mickle scrive che Ive ha dovuto affrontare una resistenza interna, con i colleghi che avevano dubbi sull’uso dell’acciaio inossidabile, sul corpo stampato e sul fatto che Ive volesse mettere il logo sul retro, piuttosto che sulla parte anteriore del dispositivo. Ad alcuni non piaceva nemmeno il colore:

Hanno anche espresso dubbi sull’idea delle cuffie bianche piuttosto che nere, come gran parte delle cuffie dell’epoca. Nonostante queste opinioni contrastanti, Jobs ha sostenuto le proposte di Ive e del team di progettazione.

Mickle descrive come Jony Ive e il suo studio di design preferissero il bianco perché era “fresco, leggero e universale” e perché significava che Apple poteva creare un solo modello e rinunciare a molti colori diversi per cercare di accontentare tutti. Ma Ive non voleva un bianco qualsiasi, quindi il designer Doug Satzger ha creato un nuovo bianco saturo che Apple ha chiamato “Moon Grey“.

Mickle rivela anche come un’altra delle ragioni principali del successo dell’iPod, vale a dire la pubblicità della silhouette nera che ha debuttato nel 2003, fosse in realtà un’idea dell’agenzia pubblicitaria TBWA/Media Arts Lab:

Dopo che Apple ha rilasciato l’iPod nell’ottobre 2001, la sua agenzia pubblicitaria, TBWA\Media Arts Lab, ha considerato il bianco la sua caratteristica più unica in un mercato affollato che includeva una cinquantina di altri lettori MP3 portatili. James Vincent ha proposto di mostrare sagome nere di persone che indossano cuffie bianche e che ballano su sfondi colorati.

Mickle osserva che la combinazione di questi annunci distintivi e l’arrivo di iTunes ha aiutato Apple a passare dalla vendita di 1 milione di iPod nel 2003 a oltre 25 milioni solo due anni dopo, con il fatturato annuo che è salito del 68% per un totale di 14 miliardi di dollari, trasformando Apple da un’azienda di computer in un gigante dell’elettronica di consumo.

Nonostante l’indiscutibile successo dell’iPod, Mickle scrive che Ive era deluso dal dispositivo, poiché era stato meno centrale nello sviluppo del prodotto di quanto avrebbe voluto. Sembra anche che Rubinstein abbia rifiutato molte delle idee di Ive in quanto troppo costose. Questa situazione è poi degenerata, con Ive che ha scavalcato Rubinstein e ha iniziato a parlarne con Jobs (malgrado alcuni dirigenti avessero suggerito all’allora CEO di non ascoltare tutte le cose che diceva Ive), e con Rubinstein che ha lasciato l’azienda per dirigere Palm. Da quel momento, Ive è stato “promosso” e ha iniziato a riferire direttamente a Steve Jobs.

Il racconto di Mickle si conclude con un ultimo aneddoto. Durante la fase di maggior successo degli iPod, Apple temeva che un rivale potesse superare le vendite del dispositivo combinando un lettore MP3 con un telefono cellulare. Per questo motivo, nel 2005 Apple ha dato il via al Project Purple da cui è ntato il primo iPhone.

Apple iPhone 13 Pro Max in sconto su

Approfondimenti