Pagelle 2019: AirPods, Apple TV+ e tutto il resto

Non potevamo concludere l'anno con le nostre ultime pagelle del 2019 questa volta incentrate su tuttu i prodotti "extra" che abbiamo visto.

Possiamo, e secondo noi dobbiamo, tirare anche un bilancio di questo 2019 in merito a quelle che sono state le presentazioni di tutti quei prodotti che sono presenti nel catalogo di Apple come accessori e/o servizi.

AirPods-pro

Non ci sono stati grandi cambiamenti per Apple Music che ha continuato la sua scalata verso la ribalta mondiale pur essendo sempre in piena concorrenza con Spotify. Sembra chiaro che il mondo sia letteralmente diviso in due parti: Europa con una forte predominanza di Spotify e Stati Uniti d’America con Apple Music.

Rimanendo in tema multimediale, non possiamo non andare a citare quella che era la grande novità attesa un po’ da tutti: Apple TV+. Il servizio di streaming di Apple ha fatto il suo debutto ufficiale nel corso di quest’anno con un buon successo anche di critica. Benché non ci fossero dubbi sulla potenziale qualità dei prodotti, l’azienda di Cupertino secondo noi ha saputo fare ancora meglio e rendere i suoi pochi show disponibili davvero interessanti, come testimoniano le nomination per The Morning Show. Al netto delle storie raccontate, che possono poi piacere o meno, Apple ha confermato come prosegua anche su questo suo servizio il trend del meno quantità e più qualità.

noise apple watch

A settembre abbiamo visto anche arrivare il nuovo Apple Watch Serie 5 che non ha convinto sin da subito. Si era capito come si trattasse di una sorta di Serie 4S. Con i vari update e le prime correzioni software la situazione è piano piano tornata alla normalità, ma le tante novità decantate alla fine non hanno convinto molti utenti nel passare al nuovo modello. Flop non è forse il termine adeguato per definire questo aggiornamento. Meglio invece l’espressione piccolo aggiornamento. Rimandato? Si.

Sulle AirPods Pro ci sarebbe da scrivere tanto, forse troppo. In molti secondo noi ancora non le hanno capite ma, nel loro complesso, sono quel giusto elemento che mancava nella gamma di cuffie Apple. Non sono un paio di AirPods di terza generazione quanto invece un modello a parte e che vuole essere distaccato dal prodotto che abbiamo conosciuto sino ad oggi. C’è da dire che sono ottime e che anche in questo caso Apple ha saputo fare centro a modo suo convincendo buona parte degli utenti. Ciò che è stato azzeccato, a nostro avviso, è la tempistica del lancio sia intesa come in termini di arco temporale per le vacanze natalizie, sia come fine del ciclo di vita di moltissime AirPods di prima generazione. Ad esempio il sottoscritto era quasi costretto al cambio per via dell’esaurimento della batteria e non ci ho pensato due volte a prendere il nuovo modello piuttosto che le AirPods 2.

Le AirPods Pro non sono state il solo paio di cuffie che abbiamo visto in questo 2019. Insieme ad esse sono arrivate anche due nuove proposte di Beats che a loro modo sono risultate interessanti sotto vari punti di vista. Partiamo dalle prime viste, le nuove Powerbeats Pro che hanno convinto. Certo non si tratta di un prodotto super compatto come le AirPods e quindi dalla stessa versatilità, ma hanno dimostrato di poter dire la loro sotto vari punti di vista.

In primo luogo con un’autonomia pazzesca, che in questo settore non si vedeva da tempo, e poi per il loro bilanciamento generale nella qualità sonora con un definitivo svecchiamento del blasone Beats che da sempre l’azienda si porta con sé. Più interessanti, a nostro avviso, sono state le nuove Beats Solo Pro che ancora bisogna capire bene se vanno inquadrate a metà fra le Beats Studio e le Solo o se invece aprono completamente una nuova breccia nella gamma di prodotti. Qui si vede il salto in termini sia di qualità costruttiva del prodotto che in termini di resa sonora con un boost non da poco che fa sfigurare gli altri prodotti di Beats. Certo, non stiamo parlando delle cuffie più complete del settore, ma secondo noi sono più da vedere nell’ottica di un cambio di strategia da qui ai prossimi anni.

E nel 2020? Sicuramente ci aspettiamo varie novità da questo punto di vista.

Apple Watch Serie 6 dovrà convincere sotto vari punti di vista nonostante il mercato sia già praticamente suo. Certo non è semplice innovare, ma Apple a modo suo è purtroppo costretta a farlo in un modo o nell’altro. Aspettiamo anche grandi novità per quanto riguarda Apple TV con magari un nuovo modello in arrivo nel corso dell’anno nuovo con non poche novità interessanti dal punto di vista dei supporti ai nuovi codec e/o risoluzioni più elevate. In molti dicono di una possibile Apple TV Pro, sarà vero?

Lato AirPods ci attendiamo un update sul finire dell’anno per il modello non Pro con un refresh generale hardware del prodotto ma non nella sua forma finale (oggettivamente è difficilissimo innovare un prodotto così vincente). Lato Beats invece ci si attende la quarta generazione delle Studio che potrebbero seguire il filone delle Solo Pro e riprenderne non pochi concetti. Spostandoci sui servizi ci si attende moltissimo da iCloud con un salto in avanti che lo renda paragonabile a Google Drive e simili in tutto. Stesso discorso per Apple TV+ che dovrà iniziare a spingere veramente forte da questo punto di vista cercando di convincere gli utenti non solo per via dell’anno gratuito che quasi tutti abbiamo ricevuto quanto invece per la sua qualità generale.

E voi invece cosa ne pensate?

Editoriali