Truth Be Told, una verità tutta da raccontare – RECENSIONE

La giustizia fa davvero sempre il suo corso? La verità non sempre è quella che ci viene raccontata e volte la perseveranza ed il coraggio sono le uniche armi vincenti per svelare i segreti celati dietro ad un macabro omicidio. Truth Be Told, la nuova serie targata Apple TV+ ci porta in una storia di coraggio, dove la verità è ancora tutta da raccontare.

Truth Be Told

Truth Be Told è la nuova serie TV crime proposta da Apple a tutti gli abbonati ad Apple TV+, il servizio di streaming multimediale dell’azienda di Cupertino. Scritta e prodotta da Nichelle Tramble Spellman (basata sul romanzo Are You Sleeping della scrittrice americana Kathleen Barber), la nuova serie TV di Apple ci porta in un appassionante viaggio alla scoperta di una verità scomoda, una verità rimasta per anni celata nella menzogna ma che presto sarà raccontata con nuovi interpreti.

Una nuova verità

Warren Cave (interpretato da Aaron Paul) è in carcere per il brutale omicidio del padre di due gemelle assolutamente identiche tra loro. Dopo 19 anni Poppy Parnell (Octavia Spencer), una nota podcaster tra le principali accusatrici di Warren Cave, viene a conoscenza di una nuova prova che potrebbe rimettere in discussione tutto l’esito delle indagini. Poppy decide così di incontrare Warren Cave, ormai adulto e profondamente cambiato, in carcere e la sua confessione la spingerà a riconsiderare la colpevolezza del prigioniero, portandola verso una nuova indagine ed una nuova storia da raccontare per il suo podcast.

Truth be Told

Le gesta di Poppy metteranno presto in una luce una verità tutt’altro che scontata, una verità che potrebbe aver portato all’incarcerazione di un uomo innocente e gettato nell’ombra un macabro intrigo per nascondere l’orribile verità dietro al brutale omicidio.

Nuovi interpreti, nuova storia

La serie TV confezionata da Apple, se pur non innovativa nel genere crime, mostra subito le proprie ambizioni già nelle prime puntate che riescono ad imbastire un plot narrativo decisamente convincente ma sopratutto capace di appassionare lo spettatore, catapultandolo in concentrato ben amalgamato di storia e mistero tipico di ogni buona serie crime che si rispetti. Octavia Spencer si conferma come sempre un’attrice capace di offrire prestazioni convincenti da vera protagonista, reggendo con grande maestria il peso della centralità del proprio personaggio all’interno della narrazione.

Truth be Told

Ben presto l’incipit narrativo porterà sullo scacchiere diversi nuovi protagonisti, che riescono con molte luci (e purtroppo alcune ombre) e trovare una loro collocazione nella serie di avvenimenti che ruotano intorno a Poppy e Warren. Tuttavia la caratterizzazione dei personaggi non riesce sempre a dare il giusto peso ad ogni protagonista, portando talvolta anche un pizzico di confusione nello spettatore meno avvezzo al genere; la carne al fuoco insomma è tanta e non sempre il racconto riesce a delineare con chiarezza il ruolo di alcuni personaggi secondari, che non fanno però mai la figura delle mere comparse senza un preciso scopo.

Truth Be Told

Truth Be Told ha però tutti ingredienti per una serie crime di buona fattura e pur senza eccellere in originalità riesce a raccontare un dramma con grande sentimento e coinvolgimento per gli appassionati del genere, che troveranno un sicuro stimolo e difficilmente riusciranno a rimanere indifferenti alla puntata successiva.

Leggi anche: Servant, disturbante e dannatamente bella – RECENSIONE

Qualità Apple, anche in questa serie TV

A più riprese i contenuti Apple sono stati elogiati per la loro grande qualità visiva ed anche Truth Be Told non è da meno, mostrando una produzione decisamente sublime sotto l’aspetto visivo. La regia e la fotografia aiutano sicuramente ad aumentare l’impatto visivo di questa serie TV che mette in luce uno splendido 4K con supporto alla tecnologia Dolby Vision, come sempre apprezzabile per fedeltà e naturalezza dei colori stessi.

truth be told

Truth Be Told è insomma a tutti gli effetti una serie TV sicuramente lontana dal concetto di eccellenza ma che riesce nel complesso ad offrire buoni spunti narrativi ed una visione sicuramente appagante sia per gli appassionati del genere crime che per gli spettatori più occasionali. La verità resta ora tutta da scoprire e vedremo se con i successivi episodi la produzione Apple riuscirà a mantenersi sui ritmi ed i livelli visti in questi primi quattro episodi della serie.

7,5
  • Puntate 1-4
    7,5
Recensioni