La funzione ECG di Apple Watch non è utilizzabile cambiando la regione

06 dicembre 2018 di Luca Ansevini

E’ da poche disponibile il nuovo aggiornamento watchOS 5.1.2 che introduce negli Stati Uniti l’attesa funzione in grado di tracciare un elettrocardiogramma dell’utente con Apple Watch. Brutte notizie però per coloro che speravano di poter testare la funzione ECG di Apple Watch Serie 4 cambiando semplicemente la regione del proprio smartwatch.

In passato infatti spesso molte restrizioni geografiche imposte da Apple per alcune funzioni potevano essere aggirate banalmente cambiando il paese di utilizzo del dispositivo. Non è però il caso della funzione ECG; questa volta Apple ha fatto (purtroppo per noi) le cose per bene rendendoci impossibile testare la nuova funzione cambiando il paese di utilizzo del dispositivo. Tale funzione infatti è unicamente destinata ai dispositivi acquistati all’interno degli Stati Uniti.

Va ovviamente rimarcato che una funzionalità come quella dell’ECG ha bisogno dell’approvazione da parte degli organi competenti (come nel caso della FDA americana) ed è quindi normale che l’azienda si sia mossa diversamente per evitare che gli utenti possano usare una funzione medica senza la necessaria approvazione.

La nuova funzionalità non è inoltre utilizzabile da minori di 22 anni, un blocco che non ha al momento una spiegazione ma che a quanto sembra può essere facilmente aggirato modificando la propria data di nascita all’interno dell’app salute.

Per tutti coloro che erano ansiosi di testare la nuova funzionalità purtroppo non c’è davvero soluzione se non quella di aspettare pazientemente che gli organi competenti diano ad Apple il benestare per l’integrazione della funzione anche nel nostro paese.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.