iPhone XR, ecco il teardown di iFixit

Aspettavate con ansia il teardown dell’iPhone XR? Puntuali come un orologio, gli esperti di iFixit hanno messo le mani sull’ultimo smartphone Apple per scoprirne tutti i segreti hardware.

Per aprire l’iPhone XR bisogna eseguire un’operazione simile a quella vista con iPhone X, vale a dire svitare le viti Pentalobe tramite degli appositi strumenti. Conoscendo la cura dei dettagli tipica di Apple, sorprende che queste viti non siano dello stesso colore dell’iPhone XR. Lo slot SIM è leggermente più in basso rispetto all’iPhone XS, visto che si tratta di uno slot modulare usato per la prima volta da Apple in un iPhone. iFixit spiega che questa soluzione consentirà una sostituzione più veloce del lettore SIM in caso di questi, riducendo anche i costi in caso di sostituzione della scheda logica.

I componenti interni dell’iPhone XR sembrano un mix tra quelli visti su iPhone 8 e quelli dell’iPhone X, come la presenza di una batteria e di una scheda logica (a strato singolo) entrambe rettangolari.

L’iPhone XR ha una batteria da 11.16 Wh, più grande di quella da 10.13 Wh presente su iPhone X, ma più piccola della 12.08 del modello XS Max. Malgrado una batteria più piccola, l’iPhone XR riesce ad avere una maggiore autonomia rispetto ai modelli XS e XS Max. All’interno del dispositivo troviamo anche il Taptic Engine, che fornisce un feedback tattile al posto del 3D Touch.

Il sistema di videocamere TrueDepth è identico a quello presente su XS e XS Max. Ovviamente, il display è di tipo LCD, più spesso rispetto all’AMOLED usato da Apple su iPhone XS. Secondo iFixit, il display più grande è il motivo per cui il connettore Lightning è fuori asse.

Come per gli altri due nuovi modelli, anche l’iPhone XR è dotato di una bobina di ricarica wireless in rame, che dovrebbe consentire velocità di ricarica wireless superiori grazie alla minore produzione di calore.

iFixit ha dato all’iPhone XR un punteggio complessivo di riparabilità pari a sei. Un display rotto può essere facilmente sostituito rimuovendo pochi componenti hardware. Le viti Pentabole e l’impermeabilità, però, complicano un po’ le cose.

Hardware