Le 10 migliori funzioni di Android non presenti su iOS e su iPhone

In un interessante articolo apparso su LifeHacker vengono analizzate le migliori 10 funzioni di Android non presenti invece su iOS, e quindi su iPhone, descritte in maniera analitica. Vediamo quali sono e se possono essere realmente catalogate come “mancanze” di iOS oppure no.

10. Tastiere personalizzabili

Su Android, a differenza di iOS, è possibile installare alcune tastiere alternative a quelle preconfigurate (ad esempio l’innovativa Swype e l’avvenuturosa 8pen) che apportino sostanziali modifiche all’interfaccia utente durante l’inserimento di testo all’interno di applicazioni che supportino questa funzione.

Le tastiere di Android, facilissime da installare, presentano diverse opzioni configurabili in modo da renderle adeguate alle esigenze di ogni singolo utente. Anche su iPhone, tecnicamente, vi sarebbero tastiere terzem ma, se si escludono i tweak disponibili in Cydia – quindi solo per iPhone jailbroken – non è possibile utilizzarle al di fuori di applicazioni specifiche. Su Android questo è possibile.

9. Automazione

Una delle applicazioni più utili di Android è sicuramente Tasker, un programma di automazione che permette di trasformare il proprio telefono in un supertelefono. Tramite questo software è infatti possibile regolare una serie di impostazioni per determinate applicazioni, posizioni geografiche, ore della giornata e altre variabili.

Aggiungendo i comandi più giusti in base alle esigenze, Tasker può rivelarsi una soluzione molto utile.

8. Home personalizzabile

Se non avete un iPhone jailbroken, le modalità di personalizzazione della Home del vostro telefono sono davvero limitate. Su Android, invece, tutto questo è presente di defualt. Launcher di terze parti possono essere infatti aggiunti alla Home come un qualsiasi altro extra, quali gesture specifiche, scorciatoie differenti e impostazioni di base per personalizzare il proprio telefono.

Le configurazioni sono diverse ed ognuna permette di raggiungere un livello di personalizzazione davvero unico.

7. Widgets

Certo, occuperanno un po’ di spazio sullo schermo del telefono, ma avere un widget con il meteo o le informazioni sulla musica in ascolto all’interno della Home è probabimente una soluzione davvero ottima. Ancora più utili sono i to-do widget, che appariranno subito sullo schermo per essere facilmente letti dall’utente (indubbiamente più pratici delle Note di iOS).

Tuttavia, se avete un iPhone jailbroken, potete scaricare alcune estensioni di questo tipo da inserire sia nella schermata di blocco che nella Home spostando opportunamente le applicazioni.

6. Storage e batteria rimovibili

Anche se non fa direttamente parte di Android, una delle funzionalità che gli utenti iPhone richiedono da più tempo è quella di poter accedere direttamente ad alcuni componenti del telefono per sostituirli o espanderli. Stiamo parlando delle memorie di storage (disco) e della batteria.

Sui terminali Android – ma in questo caso anche altri telefoni – ciò è possibile, e aprire uno di questi dispositivi non invalida la garanzia dello stesso come invece accade in caso di apertura di un iPhone.

5. Installazione Wireless delle applicazioni

Ricercare e trovare nuove applicazioni può essere divertente, ma l’installazione di questi contenuti su iOS può risultare in alcuni casi poco pratica, specialmente se la ricerca è stata effettuata da un computer piuttosto che direttamente dall’iPhone.

Il nuovo Android Market, o applicazioni quali AppBrain, permettono di trovare un’applicazione interessante, premere il pulsante per avviare l’installazione e automaticamente avviare la configurazione del software richiesto senza sincronizzare il telefono con programmi quali iTunes subito dopo aver completato il download dell’applicazione.

4. ROMs personalizzate

Una delle più importanti caratteristiche di Android risiede nella natura open source dell’intero sistema operativo. Chiunque, infatti, può realizzare una ROM personalizzata che altri utenti potranno installare sui loro terminali. Tra queste le più note sono la CyanogenMod e la MIUI ROM.

iOS, invece, non permette questo genere di personalizzazione limitando tutti gli utenti ad installare una sola versione del software di sistema, in alcuni casi neanche disponibile per tutti i device.

3. Controllo del telefono dal computer

Controllare e accedere ai documenti presenti sul proprio telefono dal computer? Con Android è possibile.

Su iOS invece, se escludiamo i contenuti scaricabili solo tramite Cydia, non esistono applicativi che consentano di svolgere la medesima azione con un PC o con un Mac.

2. Flash

Il Flash Player è il vero punto di forza di Android rispetto ad iOS. Che piaccia o meno, la mancanza di questo plugin essenziale su iPhone si fa sentire e speriamo che Apple possa cambiare le sue politiche al fine di implementare questa tecnologia in Mobile Safari.

Con Android, infatti, è possibile visualizzare siti Internet in Flash, guardare video in Flash, giocare online, e avere accesso praticamente a qualsiasi contenuto sia basato su questa tecnologia. Su iOS tutto questo non è possibile.

1. Integrazione reale con le applicazioni

Su Android, applicazioni quali Google Voice si integrano direttamente con il sistema operativo. Applicazioni simili su iPhone non possono che essere lanciate, aperte e chiuse come qualsiasi altro software. Con Android è possibile, in sostanza, assegnare un’azione ad un’applicazione specifica e far si che venga eseguita sempre tramite essa.

Se, ad esempio, vorrete chiamare un numero telefonico solo ed esclusivamente tramite Google Voice, basterà selezionare l’applicazione tramite un apposito menu e qualsiasi numero telefonico che verrà visualizzato in altre applicazioni sarà chiamato tramite Google Voice piuttosto che con l’applicazione nativa.

Conclusioni

Un sistema chiuso, ma probabilmente più sicuro come dimostrano alcuni recenti studi, contro uno completamente aperto ma esposto a rischi più elevati. Cosa vorreste di Android su iOS e su iPhone?

Approfondimenti