Cosa fare dopo il rilascio iOS 4.3.3? iPhoneItalia vi da alcuni consigli

E’ stato da pochissimo rilasciato iOS 4.3.3, aggiornamento che come promesso ha risolto il problema dell’ormai tristemente famoso “Location Gate”, secondo il quale un file in particolare nella struttura di iOS (consolidate.db), salvava le geolocalizzazioni dei dispositivi. Molti di voi sicuramente si staranno domandando cosa fare adesso che è stato rilasciato questo nuovo aggiornamento: noi di iPhoneItalia, con questo articolo, vogliamo fornirvi delle linee guida generali da seguire.

 

Salvare il certificato SHSH [TUTTI GLI UTENTI]

Uno dei passaggi che tutti i blog e tutti i maggiori esponenti della “iCommunity” consigliano dopo il rilascio di un nuovo aggiornamento, è quello di salvare il certificato SHSH (maggiori informazioni su cos’è qui.)

Quando verranno aggiornati quindi TinyUmbrella (disponibile per PC e Mac) o iSHSHit (scaricabile da Cydia), vi consigliamo caldamente di salvare questo importante file, che vi permetterà di eseguire futuri downgrade a questo firmware.

Non aggiornare se in possesso di iPhone straniero

Per i possessori di iPhone comprato all’estero, il rilascio di una nuova versione di iOS è sicuramente sinonimo di pericolo, in quanto se aggiornerete per sbaglio, perderete la possibilità di sblocco.

Come sempre, questa categoria di utenti è invitata a salvare i certificati SHSH, ed una volta disponibile il Jailbreak di iOS 4.3.3, eseguire la modifica del dispositivo con i tool che impediscono l’aggiornamento della baseband (SnowBreeze per Windows e PwnageTool per Mac). Fatto ciò, dovrete aspettare che venga rilasciato l’aggiornamento di Ultrasn0w che renda compatibile quest’ultimo con la baseband di iOS 4.3.3

Sblocco della baseband: quando giungerà?

Da ormai quasi 5 firmware si potrae il metodo di sblocco della parte telefonica di iOS 4.2.1 , quello che implica l’utilizzo della baseband di iPad e che quindi blocca l’uso del GPS su iPhone 3GS.

Essendo quindi una questione di “riadattamento” del codice usato per tale procedimento, presupponiamo che non ci vorranno più di una-due settimane per il rilascio dello sblocco della Baseband di iOS 4.3.3: ricordiamo però che questo procedimento è valido solamente per i possessori di iPhone 3GS, e non per quelli di iPhone 4, di cui non si hanno ancora notizie.

Se avete comprato il vostro iPhone in Italia, non temete: questo pezzo non vi riguarda.

Il Jailbreak: tempi per il rilascio?

Come di consueto, verrà rilasciata una nuova versione di Redsn0w che permetterà il Jailbreak untethered di iOS 4.3.3. Nel frattempo potete seguire questa guida per eseguire il jailbreak tethered (per sapere le differenze da Jailbreak Tethered ed Untethered guardare qui).

La versione untethered invece vedrà la luce in tempi abbastanza brevi, in quanto secondo comex (l’autore dei jailbreak di iOS 3.1.3, 4.0 e 4.0.1) , l’exploit trovato da i0n1c non è stato “sanato”: ciò significa potremo effettuare un Jailbreak untethered tra pochissimi giorni, tutto dipende da quanto ci mette i0n1c a convertire l’exploit per iOS 4.3.3

Salvare i pacchetti di Cydia

Uno dei maggiori problemi quando si effettua il Jailbreak di una nuova versione di iOS è la perdita di tutti i pacchetti scaricati da Cydia: esiste un programma, chiamato PKGBackup che vi permette di ovviare a questo problema, e di salvare quindi tutti i file .deb che avete scaricato dall’ormai famosissimo “App Store alternativo”.

Potete consultare una guida di questo applicativo al seguente link.

 

iPhone 12 Viola in sconto su

Approfondimenti