English Now: l’app per imparare l’inglese ridendo!

31 marzo 2012 di Enrico Ferro in Istruzione

Se avete intenzione di imparare l’inglese potrebbe interessarvi sapere che da poche ore è disponibile gratuitamente su App Store “English Now! Imparare l’inglese ridendo“. Si tratta di un’app che, oltre ad essere ricca di lezioni, consigli e trucchi contiene centinaia di test per verificare la propria abilità e, come evidenzia il titolo, si caratterizza per l’approccio comico. Dopo il salto maggiori dettagli!

L’app porta su iOS il metodo di insegnamento di John Peter Sloan, già autore di corsi di lingua su carta e DVD, ora rivisto per ottimizzarlo in veste di applicazione per iDevice. Una delle peculiarità di questo metodo consiste nel fatto che, secondo l’insegnante, gli italiani, nell’imparare o nel parlare l’inglese, commettono sempre gli stessi errori e John li ha scovati tutti e cercherà di aiutare gli utenti a correggerli con un approccio diverso da quelli tradizionali e maggiormente orientato alla comicità, ciò in quanto questo metodo dovrebbe rendere più difficile dimenticare ciò che si apprende ridendo.

Il corso di inglese si presenta come App gratuita sebbene, in realtà, al di là d alcuni contenuti fruibili gratuitamente, gli altri dovranno essere acquistati “in app”. La nota positiva consiste nel fatto che gli utenti, prima di acquistare i contenuti a pagamento potranno sperimentare direttamente l’applicazione e la sua efficacia.

Il corso è basato su 14 lezioni che affrontano la grammatica inglese attraverso spiegazioni, esempi e minitest di verifica. Inoltre English Now è arricchito dall’esclusiva sezione “Pronuncia” che insegnerà a parlare come un vero inglese. La sezione Blacklist, invece, si propone di indicare agli utenti  come NON pronunciare le parole all’italiana.

L’applicazione è suddivisa nelle seguenti aree: Lezioni & Test; MegaTest; Pronuncia; Glossario; Modi di dire e Verbi.

In Lezioni & Test gli utenti potranno imparare la grammatica inglese ascoltando le spiegazioni e gli esempi pratici di John Peter Sloan attraverso 14 capitoli. Il primo capitolo è completamente gratuito mentre i rimanenti sono scaricabili a pagamento. Ogni lezione è composta da una spiegazione, un testo riassuntivo e da un minitest di verifica. Al termine del minitest, John attribuirà un voto ed un “Certificate”. Inoltre, nel corso del minitest, John regalerà una serie di termini che arricchiranno il vocabolario inglese dell’utente.

In Megatest sarà possibile verificare quanto appreso durante lo studio dei capitoli dell’app attraverso alcuni difficili test di verifica. In caso di esito positivo, al termine dei test l’utente potrà ricevere un diploma della John Peter Sloan University. Anche durante il minitest, John regalerà una serie di termini per arricchire il vocabolario personale.

Nella sezione Pronuncia, John insegnerà ogni trucco per riuscire a pronunciare l’inglese senza errori. Il metodo Sloan visuale, aiuterà ad associare i suoni corretti ad alcune figure.

In Blacklist, invece, gli studenti impareranno ad evitare tutti gli errori di pronuncia solitamente commessi dagli  italiani.

In Glossario sarò possibile ritrovare i termini regalati durante i minitest e i megatest.

Nella sezione Modi di dire sono presenti i 100 “idioms” (modi di dire) inglesi più divertenti ed utilizzati ed in Verbi è contenuta un’utilissima lista con tutti i verbi inglesi irregolari.

L’app è veramente ben fatta ed interessante, così come effettivamente simpatico appare l’insegnante, con il suo tipico accento inglese. Per questo motivo, oltre a dare uno sguardo agli screenshot, vi suggeriamo di sperimentare personalmente e a costo zero l’applicazione, scaricandola da App Store direttamente da questo link!

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.
  • Ospite

     Bell’idea