7 notizie per 7 giorni: nuovo appuntamento con la rubrica hi-tech di iPhoneItalia – Appuntamento numero #8

19 febbraio 2012 di Giuseppe Migliorino in 7 notizie per 7 giorni, News, push

Chi possiede un iPhone è, nella maggior parte dei casi, anche un appassionato di tecnologia, come lo siamo noi di iPhoneItalia. Proprio per questo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica, denominata “7 notizie per 7 giorni”, nella quale verranno riassunte le 7 notizie di tecnologia più interessanti e curiose della settimana, ma non riguardanti propriamente il mondo iPhone. Un modo per discutere insieme di tecnologia e non far mancare nulla ai nostri lettori! Eccoci arrivati ad un nuovo appuntamento.

La pirateria su BitTorrent non influisce sul box office USA

Anche se gli incassi al box office sono diminuiti per il secondo anno consecutivo, un nuovo studio afferma che non vi è alcuna correlazione tra i minori incassi al box office negli USA e il file-sharing tramite BitTorrent. I principali studios di Hollywood hanno speso enormi risorse nel corso degli anni per combattere la pirateria, ma i ricercatori dell’Università del Minnesota affermano che il file sharing illegale termite BitTorren non ha influito sugli incassi ai botteghini. Anzi, una riduzione degli incassi per colpa del file sharing si è registrata fuori dai confini degli Stati Uniti, per il fatto che molti film escono con qualche settimana di ritardo rispetto agli USA. Questo favorisce la registrazione e la copia delle pellicole, cosa invece non sempre possibile nel territorio americano.

[via]

Panasonic presenta il software RED BEND per i sui tablet Android

Panasonic  ha annunciato che la soluzione di Mobile Management Software (MSM) dell’azienda  Red Bend Software sarà resa disponibile ai clienti dei nuovi tablet Toughpad con sistema Android ad uso professionale. Questo permetterà a Panasonic e ai clienti aziendali che sceglieranno di usare questa soluzione, di gestire da remoto e in tutta sicurezza i propri Toughpad. Ad oggi, le soluzioni MSM di Red Bend sono state adottate da oltre 1.4 miliardi di telefoni cellulari, tablet e dispositivi connessi in rete.

I Toughpad con sistema Android di Panasonic includono il security core all’interno della CPU ARM Marvell che, quando combinato con l’innovativa soluzione di software management di Red Bend, crea una  piattaforma di mobile computing. Le aree protette della memoria flash che contengono il kernel del sistema operativo e le applicazioni dei clienti sono allocate dal processore Marvell in una zona protetta. Solo gli utenti autorizzati del software Red Bend possono accedere al firmware e alle applicazioni all’interno della zona protetta. Questa soluzione solida e basata su standard permette ai clienti aziendali di gestire facilmente da remoto il software sui propri dispositivi Toughpad, assicurando nel contempo che i dispositivi e tutte le loro applicazioni professionali restino altamente sicuri e a prova di manomissione.

La soluzione MSN di Red Bend per i Toughpad con sistema Android di Panasonic comprenderà vRapid Mobile per l’aggiornamento firmware Over-the-Air (FOTA), vDirect Mobile per la gestione dei dispositivi e delle applicazioni e il Software Management Center di Red Bend. Dall’autunno 2012, la soluzione di Red Bend per i tablet Toughpad con sistema Android di Panasonic sarà anche la prima ad utilizzare il software management standard OMA DM, SCOMO (Component Object Management Software), riducendo ulteriormente il tempo e il costo di rete per effettuare gli aggiornamenti. SCOMO è un nuovo standard per il Mobile Software Management che modula l’intero stack di software e permette l’implementazione di componenti software discreti, sia aggiornati che nuovi, compreso il firmware incorporato.

Con i Toughpad di Panasonic, le imprese che scelgono di adottare la soluzione MSM di Red Bend avranno la capacità di gestire le proprie applicazioni indipendentemente dal firmware dei tablet. Questo include l’essere in grado di installare, rimuovere e aggiornare via wireless qualsiasi applicazione in modo efficiente e affidabile. Inoltre, Panasonic sarà in grado di fornire continui miglioramenti del software ai propri clienti, incluso l’aggiornamento con la più recente versione di Android. Questa soluzione utilizza gli standard di settore Open Mobile Alliance Device Management (OMA DM). Questa soluzione permetterà anche ai clienti Panasonic Toughpad di utilizzare, se lo desiderano, altri programmi di Mobile Device Management.

La soluzione MSM di Red Bend, che esegue il software di gestione attraverso connessioni wireless tra cui 3G, 4G e Wi-Fi, rileva posizione e network permettendo di installare i più efficienti e affidabili aggiornamenti software. La tecnologia Red Bend è in grado di creare i più compatti aggiornamenti software, riducendo le dimensioni del file del 97%. Ciò significa che le aziende possono ridurre notevolmente le loro spese di trasmissione dati quando installano o aggiornano nuove applicazioni in wireless. Inoltre, le aziende possono controllare quando e come gli aggiornamenti vengono eseguiti, sono in grado di fornire aggiornamenti di grandi dimensioni tramite Wi-Fi o impedire gli aggiornamenti durante il roaming. I pacchetti di aggiornamento software vengono assemblati all’occorrenza e su misura per ciascun dispositivo con il software già installato, garantendo che solo gli aggiornamenti minimi necessari siano inclusi.

La funzione Red Bend Failsafe garantisce poi il completamento dell’aggiornamento anche in caso di interruzione per cause come perdita di connettività o esaurimento della batteria. Questa tecnologia è stata utilizzata per eseguire centinaia di milioni di aggiornamenti software in tutto il mondo con un tasso di successo del 100%. Con la soluzione MSM di Red Bend, ognuna delle applicazioni professionali del Toughpad può essere gestita e aggiornata una alla volta, o in combinazione, a seconda della scelta dell’azienda. L’impresa può inoltre distribuire pacchetti applicativi diversi sulla base del profilo unico del cliente finale, come ad esempio un gruppo di lavoro. Inoltre, la soluzione Red Bend gestisce le dipendenze tra le applicazioni e il firmware, in modo che ogni utente finale riceva il pacchetto software adatto a supportare le sue applicazioni aziendali. Le aziende possono anche garantire che le proprie applicazioni siano protette in modo che l’utente non possa disinstallarle.

Oltre alla soluzione MSM di Red Bend, Panasonic offrirà ai propri clienti Toughpad anche accesso al Toughpad App Store, una selezione di software per configurare le impostazioni hardware del Toughpad e servizi tecnici professionali per fornire assistenza nello sviluppo e impiego di tutte le applicazioni customizzate di cui necessitano.
Romeo, il primo vero robot maggiordomo

Romeo è il nome del robot oggetto di un nuovo progetto della Aldebaran Roborics, finanziato da Intel. Romeo vuole essere il primo vero robot maggiordomo capace di mettere a posto casa, servire gli umani e interagire con loro, rispondendo alle domande e obbedendo agli ordini che gli vengono impartiti. L’aspetto di Romeo è molto simpatico e sarà alto circa un metro e 40 centimetri. Il robot dovrebbe entrare nel mercato a partire dal 2015.

[via]

La Guardia di Finanza chiude i siti Filmgratis.tv e Saricolibero

Duro nuovo colpo della Guardia di Finanza alla pirateria italiana: nei giorni scorsi sono stati infatti chiusi due tra i portali più utilizzati in Italia per il download di film e materiale protetto da diritto d’autore. Stiamo parlando di Filmgratis.tv e Scaricolibero. Malgrado il terremoto suscitato dalla chiusura di Megaupload, i due siti continuavano a fornire materiale pirata ai milioni di utenti che ogni messe si collegavano ai due portali. Se Filmgratis offrirà principalmente film appena usciti nelle sale cinematografiche, su Scaricolibero era possibile trovare anche ebook, musica e software.

[via]

Dalle briciole di pane ai componenti mancanti: la classifica dei tentativi più maldestri di recupero dati visti da Kroll Ontrack

Nessun utente pensa a un fornitore di recupero dati prima di perdere file personali o di lavoro dall’hard disk del computer di casa, dal pc dell’ufficio o dallo smartphone. Cosa accade quando si verifica il “disastro”? Pensiamo a dell’acqua che si rovescia sul nostro PC, al nostro tablet che cade sul pavimento oppure alla semplice constatazione che il computer non si avvia: è proprio in situazioni come queste – e che nessuno mai considera – che gli utenti generalmente adottano il “fai da te” oppure si precipitano su Internet alla ricerca del primo fornitore di recupero dati, che purtroppo spesso non si dimostra sempre competente e affidabile.

Nella maggior parte dei casi vi sono ottime possibilità di recuperare i dati da un supporto danneggiato ma tali possibilità si riducono notevolmente se il dispositivo è già stato aperto e maneggiato da improvvisate e sedicenti società di data recovery.” afferma Paolo Salin, Country Director di Kroll Ontrack in Italia, “E’ molto importante, quindi, evitare qualsiasi tipo di manomissione. Nella nostra lunga esperienza, ci è capitato più volte di operare su dispositivi che avevano già subito tentativi di ripristino e i nostri tecnici spesso si sono trovati di fronte a situazioni disastrose: hard disk privi di componenti o rimontati in modo errato, addirittura dispositivi con briciole o altre impurità all’interno”.

Kroll Ontrack ha raccolto alcune singolari situazioni di hard disk drive precedentemente aperti da presunti esperti di recupero dati, realizzando una classifica dei 5 casi più frequenti.

1) E le testine dove sono? – Spesso i tecnici di Kroll Ontrack si vedono recapitare dischi apparentemente in condizioni normali per poi scoprire, una volta aperti, l’assenza di alcune importanti componenti come le testine. Il fantomatico tecnico ha evidentemente scordato di rimontarle!

2) Un caso degno del miglior investigatore – Un’altra frequente situazione è il ritrovamento di impronte digitali sui piatti degli hard disk, un segno di evidente imperizia nel maneggiare anche a livello base un disco. Se consideriamo che i dati si trovano memorizzati su tali piatti, la cura che deve essere posta per proteggerli da qualunque ulteriore danno deve essere massima!

3) É ora della merenda – Non è raro per i tecnici di Kroll Ontrack ritrovare polvere e briciole all’interno di dispositivi già aperti, chiaro segno che l’hard disk è stato aperto in ambienti non idonei per il recupero dei dati e probabilmente durante uno spuntino. È fondamentale che i dispositivi vengano lavorati all’interno di una camera bianca professionale da personale qualificato.

4) Graffi – Uno degli scenari più seri è la presenza di graffi sulla superficie magnetica dei piatti dell’hard disk. Purtroppo nella maggior parte dei dischi già aperti non si tratta di un problema generato da un guasto hardware ma di un uso maldestro di rudimentali strumenti di lavoro. Una superficie graffiata può significare perdita dei dati.

5) L’hard disk come un puzzle – Una delle operazioni che i tecnici di Kroll Ontrack devono affrontare è il riassemblaggio dei supporti che arrivano presso la camera bianca letteralmente a pezzi. In questi casi i dischi vengono consegnati completamente smontati con le varie parti in buste di plastica. Come se non bastasse, spesso i pezzi appartengono a modelli differenti!

Sebbene la classifica possa far sorridere, non dobbiamo dimenticare che un disco già aperto può voler dire per il cliente dati persi per sempre o non recuperabili nella loro totalità. Se consideriamo che in un hard disk sono in gioco grandezze di alcuni milionesimi di millimetro è facile rendersi conto di quanto sia importante intervenire solo in modo professionale.” continua Paolo Salin. “La casistica raccolta dagli specialisti del nostro Servizio Clienti ci dice che ad aprire i supporti danneggiati sono in generale gli amici e i conoscenti in caso di utenti privati, tecnici non specializzati nel caso di piccole-medie aziende. Infine i rivenditori di informatica che nel tentativo di ripristinare i dati dei loro clienti decidono di aprire da soli il supporto o di affidarsi a presunti esperti trovati su Internet, selezionati in base a offerte civetta invece che alle reali capacità. Il consiglio, in qualità di professionisti ed esperti, è invece quello di non aprire o far mai aprire i supporti danneggiati se si desidera mantenere inalterate tutte le possibilità di recupero.”

 Antenna KP14, per ottimizzare la connessione di tutte le chiavette internet

Anycast Solutions presenta la nuova Antenna KP14, la prima antenna studiata per stabilizzare e incrementare la velocità media di connessione ad internet. Uno strumento efficace ed economico, particolarmente indicato per scaricare dalla rete file voluminosi. L’antenna KP14 diventa indispensabile in tutti quei casi in cui la postazione internet si trova in un luogo in cui il campo è ridotto (seminterrati, taverne, zone rurali, ecc.) e si verificano continui “salti” tra la modalità di connessione ad alta velocità (UMTS/HSDPA) e la modalità a bassa velocità (GPRS); questa antenna permette infatti di ottimizzare il collegamento, ottenendo una navigazione più fluida e costante.

Un prodotto utilizzabile con tutte le internet key – anche con quelle che non dispongono di connettore per un’antenna esterna – che consente di aumentare la capacità di ricezione del segnale. L’Antenna KP14 elimina i fastidiosi “buchi” nella connessione, rendendo la navigazione più rapida e piacevole, il lavoro più efficiente ed il tempo libero più rilassante.
Il suo utilizzo è facile ed immediato: ci si collega e si naviga in 5 minuti!

Ideata, progettata e prodotta in Italia, è realizzata in alluminio anodizzato nero ed ottone trattato a specchio; non necessita di cavi particolari e connettori miniaturizzati ed è orientabile per ottenere la massima resa, grazie al treppiede in dotazione, permettendo il posizionamento per la ricezione del miglior segnale.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Banda operativa: UMTS 2100 MHz
Configurazione elettrica: Air dielectric patch panel
Alimentazione: Direct near field coupling
Polarizzazione: Lineare
Guadagno antenna: ~ 10 dBi
Rapporto A/I: > 20 dB
Larghezza di fascio @-3dB: 70° (H), 60° (E)
Dimensioni antenna: 140×28×250 mm
Materiali:
- Disco radiante: Ottone stagnato (RoHS)
- Riflettore e supporto: Alluminio anodizzato nero
- Cavalletto: Plastica
Montaggio: Su mini treppiede da tavolo, compreso nella confezione unitamente al cavetto prolunga USB
Il pen modem diventa parte integrante dell’antenna annullando le perdite RF di un cavo coassiale.

Prezzo al pubblico: € 54,90, in vendita su http://ecommerce.anycastsolutions.com

Da Maggioli arriva il memosadenziario.it

Il Gruppo Maggioli, con la divisione Maggioli Modulgrafica, presenta il Memoscadenziario.it, il nuovo servizio dedicato agli operatori degli Enti Locali per essere sempre informati sulle scadenze, per tenere costantemente aggiornata l’agenda lavorativa, monitorare e pianificare le scadenze, consultare e selezionare le norme che disciplinano i singoli adempimenti nonché disporre della modulistica specifica per ogni singolo adempimento.

I dirigenti, i funzionari e gli operatori degli Enti Locali sono costantemente chiamati ad espletare svariati adempimenti, richiesti da precise norme di legge. Le scadenze sono numerose ed è difficile organizzare tutti gli atti amministrativi nel rispetto dei tempi e nei modi richiesti.
Le norme inoltre sono in continua evoluzione ed il rischio di omettere o sbagliare qualche atto è elevato, soprattutto oggi che gli operatori comunali sono chiamati ad occuparsi di molteplici attività, anche non omogenee tra loro.

Maggioli Modulgrafica con il nuovo servizio memoscadenziario.it, in anticipo di un mese rispetto alle scadenze, invia, con periodicità quindicinale, una newsletter contenente:

  • Le scadenze del periodo suddivise per settore con una breve descrizione delle attività da svolgere;
  • La modulistica necessaria per gestire il singolo adempimento;
  • Il link alla normativa, alla prassi ed alla giurisprudenza di riferimento;
  • I principali aggiornamenti normativi di interesse per gli enti locali;
  • l modulo per la formulazione di quesiti agli esperti Maggioli di tutti i settori;
  • Il collegamento al sito www.memoscadenzario.it per accedere all’archivio delle newsletter.

Il Memoscadenziario è il servizio ideale per il Segretario Comunale e per tutti gli operatori comunali che desiderano lavorare con la necessaria sicurezza, senza rischiare ritardi e omissioni nello svolgimento dei propri compiti, avvalendosi del supporto operativo e giuridico dell’azienda da sempre leader nel settore. Il Memoscadenziario offre una selezione di documenti specifici per lo svolgimento del singolo adempimento, garantendo certezza delle disposizioni operative e risparmio di tempo, con la garanzia dell’assistenza costante degli esperti Maggioli. Completa il Memoscadenzario una utilissima rubrica dedicata ai provvedimenti normativi, alle sentenze ed agli approfondimenti normativi di maggior interesse e rilievo per gli enti locali.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.