Il programma Apple Self Service Repair avrà un impatto sulle vendite degli iPhone?

Il programma di riparazione fai-da-te annunciato da Apple avrà un impatto sulla vita media degli iPhone?

Uno studio ha esaminato nel dettaglio quale potrebbe essere l’impatto che il nuovo programma Self Service Repair avrà sul ciclo vita medio degli iPhone.

impatto Self Service Repair

Con il programma Self Service Repair, Apple fornirà parti originali, strumenti e manuali originali ai singoli clienti che desiderano riparare in casa iPhone 12, iPhone 13 e Mac per la sostituzione di display, batteria e fotocamera. La notizia ha fatto molto scalpore, perché fino a pochi giorni fa Apple si professava contraria al diritto alla riparazione fai-da-te per possibili problemi di sicurezza, mentre ora concede a tutti la possibilità di farlo.

Consumer Intelligence Research Partners ha approfondito le implicazioni che questo cambio di strategia potrebbe avere sulle vendite dei nuovi iPhone. Nello specifico, lo studio ha preso in esame i danni al display e le condizioni della batteria come predittori della richiesta di riparazioni self-service, che a sua volta offre un’indicazione sulle potenziali interruzioni del ciclo di aggiornamento degli iPhone.

Dal sondaggio che ha coinvolto 2.000 clienti Apple negli Stati Uniti è emerso che solo una piccola parte degli utenti utilizzerà il Self Service Repair per posticipare un nuovo acquisto di iPhone.

Sulla base di ciò che i consumatori dicono sulle condizioni dei loro iPhone attuali, sembra che pochi proprietari utilizzerebbero il programma di riparazione self-service di Apple per posticipare l’acquisto del loro prossimo iPhone.

Chiaramente, i continui sforzi di Apple per migliorare la durata del display e la qualità della batteria sui nuovi iPhone sono stati ripagati, anche se i consumatori continuano a lamentarsi, in particolare sulla durata della batteria. Sulla base di ciò che dicono i clienti sulle condizioni dei loro vecchi iPhone, la maggior parte di questi dispositivi sono ancora funzionanti e, quindi, non necessitano di alcuna riparazione.

Circa il 6% degli intervistati ha affermato che lo schermo del proprio iPhone era rotto e inutilizzabile, una condizione che richiederebbe la sostituzione o la riparazione, mentre il 12% ha segnalato un display rotto ma utilizzabile. La durata della batteria sembra essere un problema più importante, con il 14% dei clienti intervistati che ha detto che la batteria era rovinata al punto da dover essere ricaricata ogni due ore.

Secondo CIRP, il fatto che solo una piccola percentuale di clienti ha bisogno di effettuare riparazioni significa che il programma attivato da Apple non impatterà sulle vendite dei nuovi iPhone, anche perché la maggior parte degli utenti continuerà con gli attuali cicli di aggiornamento dettati soprattutto dalle novità dei vari modelli, e non dalla situazione del loro attuale iPhone.

Cosa ne pensate?

Apple iPhone 13 Pro Max in sconto su

News