“Balbuzie”, Apple risolve il problema dell’emoji incriminata

Non c'è più alcuna associazione tra la parola "balbuzie" e una particolare emoji.

Dopo le critiche ricevute, Apple ha deciso di eliminare l’associazione tra l’emoji della faccia stordita e le parole associate a balbuzie e balbuzienti.

balbuziente

La balbuzie è un disturbo del linguaggio caratterizzato dalla fluenza interrotta e da involontarie ripetizioni e prolungamenti di sillabe o parole. Quando una persona balbetta, potrebbe mostrare anche segni di tensione visibili sul volto, soprattutto se sta cercando di trattenere le ripetizioni. L’emoji incriminata mostrava un volto con le labbra curve, un’occhio chiuso e uno dei due sopraccigli abbassati.

Apple ha ora rilasciato un aggiornamento che impedisce la visualizzazione dell’emojifaccia stordita” quando gli utenti digitano parole come “balbuzie” o “balbuziente” in qualsiasi app.

Il collegamento tra “balbuzie” e “faccia stordita” su iOS probabilmente non era intenzionale e potrebbe essere stato il risultato dell’apprendimento automatico che associa erroneamente la parola all’emoji. Apple, come altre aziende, utilizza l’apprendimento automatico per determinare l’uso comune di parole ed emoji. Non è chiaro se il problema sia stato risolto nell’ultimo aggiornamento di iOS 14.7 o se Apple abbia implementato una correzione lato server.

Fateci sapere nei commenti se visualizzate ancora questa associazione in versioni precedenti a iOS 14.7.

iPhone 13 Pro disponibile su

News