Apple aggiorna le linee guida di App Store e apre al cloud gaming

Apple ha da poco aggiornato le linee guida di App Store, che sostanzialmente aprono al cloud gaming.

Apple ha annunciato delle novità alla linee guida di App Store per tenere conto di alcune nuove funzionalità in arrivo su iOS 14 come App Clips, ma sopratutto per aprire le porte al cloud gaming.

Secondo le linee guida aggiornate di Apple, i servizi di cloud gaming come xCloud di Microsoft e Stadia di Google sono consentiti, ma tutti i giochi inclusi in un servizio di abbonamento a giochi in streaming devono essere scaricati direttamente dall’App Store, come se fossero app singole.

Nelle ultime settimane Apple si è scontrata con Microsoft impedendo a xCloud, il nuovo servizio di cloud gaming dell’azienda, di essere rilasciato nell’‌App Store‌ perché Apple non avrebbe avuto alcun controllo sui giochi inclusi nel servizio. Non è chiaro se Microsoft vorrà caricare tutti i giochi xCloud su “App Store” separatamente, ma questa sembra essere l’unica opzione per rendere disponibile il servizio streaming su iOS.

I servizi di cloud gaming, tuttavia, possono offrire un’app catalogo su App Store per aiutare gli utenti a registrarsi al servizio e trovare i giochi che sono stati caricati sull’App Store‌, a condizione che l’app aderisca a tutte le linee guida di Apple. Le app dei servizi di cloud gaming devono fornire agli utenti un’opzione per pagare l’abbonamento con acquisto in-app e utilizzare la funzione “Accedi con Apple“. Tutti i giochi devono collegarsi alla singola pagina del prodotto ‌su App Store‌.

Riguardo a Fortnite, un nuovo chiarimento nelle linee guida afferma che le app non possono includere funzionalità nascoste, dormienti o non documentate. Tutte le funzionalità devono essere chiare agli utenti finali e al team di revisione delle app.

Tutte le nuove funzionalità e modifiche ai prodotti devono essere descritte in modo specifico nella sezione “Note per la revisione” quando gli sviluppatori inviano gli aggiornamenti ad Apple. Tutte le descrizioni generiche verranno rifiutate.

Le app che offrono opzioni di acquisto per esperienze personali in tempo reale tra due individui (come il tutoraggio) possono ora utilizzare metodi di acquisto diversi dall’acquisto in-app per riscuotere i pagamenti. Le app standalone gratuite che sono definite “companion app” di strumenti web a pagamento non hanno bisogno di utilizzare il sistema di acquisto in-app di Apple fintanto che non ci sono acquisti all’interno dell’app o inviti a fare acquisti al di fuori dell’app.

Le app non possono richiedere agli utenti di valutare l’app, recensire l’app, guardare video, scaricare altre app, toccare annunci pubblicitari, abilitare il monitoraggio o eseguire altre azioni simili per accedere a funzionalità, contenuti, utilizzare l’app o ricevere un compenso monetario.

App Clips, widget, estensioni e notifiche devono essere correlati alla funzionalità di un’app e non possono contenere pubblicità.

L’elenco completo delle modifiche alle linee guida dell’App Store può essere trovato sul sito degli sviluppatori Apple.

iPhone 12 (64GB) in offerta su

News