Altri publisher si uniscono a Facebook contro le novità sulla privacy di iOS 14

Continuano a tenere banco le novità sulla privacy introdotte con iOS 14 che potrebbero ridurre drasticamente le entrate pubblicitarie.

Le novità sulla privacy introdotte con iOS 14 hanno spaventato Facebook che rischia di vedere sfumare oltre il 50% delle sue entrate pubblicitarie su Audience Network. A quanto pare, sembra che altri publisher siano d’accordo con l’azienda di Zuckerberg.

Secondo il Wall Street Journal, diversi publisher sono molto preoccupati su come iOS 14 taglierà in modo drastico le entrate pubblicitarie e ciò andrà ad aggiungersi alle enormi difficoltà causata dalla pandemia.

La funzione di iOS 14 in questione è quella che richiede agli utenti se sono d’accordo a essere tracciati su app e siti web. Sebbene molti apprezzeranno questa funzione incentrata sulla privacy, altri ritengono che sia eccessivamente aggressiva e comporterà la disattivazione del monitoraggio che ha il compito di fornire annunci pubblicitari più pertinenti.

Tra i publisher che si sono pubblicamente schierati contro questa “politica aggressiva” di Apple troviamo Weather Co. e Daily Mail. Jonah Peretti, CEO di BuzzFeed, invece, la pensa diversamente e ha affermato che sebbene gli editori potrebbero risentire di qualche effetto negativo a breve termine, alla fine il settore si adatterà.

In un sondaggio di Tap Research, l’85% degli intervistati ha affermato che se vedesse questo messaggio nella propria app preferita, allora selezionerebbe “Chiedi all’app di non monitorare“. E voi cosa fareste nel caso apparisse questo pop-up?

Preferireste una pubblicità mirata o salvaguardare la vostra privacy?

Apple iPhone 13 Pro Max in sconto su

News