Apple Glass potrebbero trasformare qualsiasi superficie in un “display”

Si torna a parlare dei futuri Apple Glass, che potrebbero in qualche modo trasformare ogni superficie in un display.

Per i futuri Apple Glass, la società di Cupertino avrebbe in mente di creare un qualcosa di pratico come un touchscreen avanzato, studiando la possibilità di realizzare dei veri e propri controlli virtuali da utilizzare nel mondo reale.

concept Apple Glass

In un brevetto recentemente pubblicato, ma datato 2016, Apple sottolinea che per i futuri Apple Glass sarà necessario riuscire a creare dei controller virtuali “cliccabili” che si andrebbero a sovrapporre agli oggetti presenti nel mondo reale. Pensate alla possibilità di toccare la vostra scrivania mentre indossate gli Apple Glass e di poter sfruttare quella superficie per effettuare alcune operazioni, il tutto grazie alla realtà aumentata e alle tecnologie brevettate da Apple.

L’intenzione di Apple è quella di creare un visore che possa essere semplice da utilizzare, proprio come il touchscreen di un iPhone e non come gli attuali metodi di interazione di altri prodotti simili già sul mercato.

Affinché gli Apple Glass riescano a rilevare che un utente abbia cliccato su qualche superficie o un oggetto presente nel mondo reale, è necessario che sulle nostre dita siano presenti dei sensori, oppure dovrebbe essere il nostro stesso corpo a diventare parte del sistema, come se avessimo una sorta di sensore incorporato.

Una frase del brevetto è abbastanza emblematica in merito:

La limitazione più grande di questo tipo di approcci è che richiedono modifiche dell’oggetto o del corpo umano.

Apple Glass

In realtà Apple avrebbe pensato anche a una possibile soluzione al problema, ovvero sfruttare il calore del corpo umano:

Se due oggetti a diverse temperature si toccano, l’area di contatto cambierà la sua temperatura, per poi convergere lentamente alla temperatura iniziale che aveva prima del tocco. Pertanto, nei pixel corrispondenti a un punto nell’ambiente in cui di recente si è verificato un tocco, si riscontra una diminuzione o un aumento della temperatura, lento ma chiaramente misurabile.

I cambiamenti regolari della temperatura possono essere indicativi di un tocco tra due oggetti.

Sfruttando la variazione di calore, gli Apple Glass potrebbero riuscire a capire quando tocchiamo effettivamente un oggetto reale, ma ancora non si riuscirebbe a risolvere in maniera efficace la problematica riguardante l’interazione con i pulsanti virtuali, poiché il sistema non sarebbe in grado di capire effettivamente quando clicchiamo tale pulsante.

Insomma, sembra che Apple stia lavorando a qualcosa di molto avanzato, ma, come potete capire da questo brevetto, le difficoltà da affrontare per arrivare ad un sistema davvero pratico da utilizzare sono davvero tante.

Brevetti