iPhone 12 e la possibile confezione senza auricolari e alimentatore, perché?

Nessun alimentatore, nessun auricolare. Questa potrebbe essere la sorte degli iPhone 12.

La confezione dell’iPhone 12 potrebbe avere solo… l’iPhone 12. Come avrete letto, anche il ben informato Ming-Chi Kuo ha confermato che Apple non includerà né auricolari, né alimentatore, nella confezione dei prossimi smartphone. Nulla è ancora ufficiale, ma una scelta di questo tipo avrebbe senso?

alimentatore apple

Ricordate quando Apple decise di rimuovere il jack per le cuffie dagli iPhone 7? Tantissime persone criticarono quella scelta, salvo poi essere smentite dai fatti e dagli altri produttori concorrenti nei mesi successivi. Quest’anno, però, il passo potrebbe essere molto più lungo, coraggioso e pericoloso: in una sola volta, Apple dovrebbe togliere dalla confezione degli iPhone 12 sia gli auricolari EarPods che l’alimentatore per la ricarica.

E se con gli auricolari avevamo trovato una giustificazione, con la (possibile) mancanza dell’alimentatore la situazione si fa più complessa. È vero, tanti di noi hanno un vecchio caricabatterie per iPhone in un cassetto, ma da quando esistono gli smartphone (e non solo) ricaricabili non abbiamo mai assistito ad un prodotto senza alimentatore. Che sia una console, un laptop o un tablet, salvo rare eccezioni è sempre stato presente quel piccolo accessorio che serve a eseguire un’operazione abbastanza importante: ricaricare il dispositivo e farlo funzionare. Tra l’altro, è vero che in molti hanno già un caricabatterie, ma spesso in casa risulta molto comodo averne più di uno per delle postazioni fisse di ricarica in camera da letto, cucina o soggiorno.

Apple avrà sicuramente i suoi motivi da condividere con gli utenti e sarà compito dell’ufficio marketing farlo (salvaguardia dell’ambiente per evitare rifiuti inutili?), ma una scelta di questo tipo attirerà tantissime critiche e difficilmente verrà trovato un motivo valido. Ad esempio (ne dubitiamo), far risparmiare qualche decina di euro agli utenti sul prezzo degli iPhone 12?

Già con la gamma 2019, Apple aveva incluso il nuovo alimentatore da 18W solo nei modelli più costosi e non sull’iPhone 11, che si è dovuto accontentare dell’ormai preistorico caricabatterie da 5W presente dal 2007.

Un alimentatore da 18W viene venduto da Apple a 35€, per cui lo sconto su un prodotto da oltre almeno 700 euro sarebbe quasi irrisorio, anche perché in tanti acquisteranno comunque un alimentatore (originale Apple o meno) per questioni abbastanza evidenti. Il vero affare potrebbe essere per Apple: non includere Earpods e alimentatore significherebbe risparmiare pochi dollari per ogni dispositivo, ma se moltiplichiamo questa cifra per milioni di unità vendute allora la situazione cambia radicalmente. Un altro risparmio riguarderebbe anche il trasporto, visto che le confezioni degli iPhone peserebbero molto meno. Questo non toglie, però, che sarebbe molto strano aprire la confezione del nuovo iPhone e non trovare alcun alimentatore (sperando che ci sia almeno il cavo per collegarlo al computer).

E se per il 2020 potremmo forse salvarci, a quanto pare la scelta è stata sicuramente presa per l’iPhone 13. Apple sta sbagliando valutazioni oppure aprirà nuovamente la strada verso un qualcosa che sarà emulato da tanti altri produttori?

Personalmente credo che gli EarPods siano un sacrificio giustificabile, ma per l’alimentatore non c’è storia: va assolutamente incluso nella confezione di qualsiasi smartphone. Almeno per adesso e per qualche anno ancora, poi si vedrà.

E voi, cosa ne pensate?

Approfondimenti