AirPods Pro VS AirPods 2, quali sono le differenze?

In questo articolo vi proponiamo un confronto funzionale tra i nuovi AirPods Pro ed i precedenti AirPods di seconda generazione, con tutte le differenze.

Dopo i tanti rumors emersi nei giorni scorsi Apple ha oggi ufficializzato i nuovi AirPods Pro, versione evoluta dei suoi rinomati auricolari truly wireless in grado di offrire prestazioni superiori. Ma cosa cambia rispetto ai modelli attualmente già in commercio?

AirPods Pro VS AirPods

I nuovi AirPods Pro introducono infatti diverse novità, sopratutto sotto il profilo del design e del sound in cuffia, che cambiano radicalmente l’esperienza utente; in questo nostro articolo cercheremo di elencarvi le principali differenze tra i nuovi auricolari presentati oggi da Apple e gli AirPods di seconda generazione, così da aiutarvi a comprendere meglio le differenze e sciogliere i vostri dubbi circa il possibile acquisto.

Design

AirPods Pro Design

Le principali differenze risiedono senza dubbio nel design, che non viene stravolto ma presenta alcune sostanziali differenze. Gli auricolari diventano passano ad una conformazione in-ear, dotandosi cioè di un cuscinetto in silicone che va ad inserirsi nella cavità auricolare per migliorare la stabilità nelle orecchie; sarà possibile scegliere tra tre differenzi cuscinetti ed il software sarà in grado di suggerirci il cuscinetto più adatto alle nostre orecchie. I nuovi AirPods Pro sono inoltre più corti ma al contempo più tozzi rispetto alla precedente generazione, mentre il peso passa dai 4 grammi della precedente generazione a 5,4 grammi.

Anche il case viene inevitabilmente rivisto in termini di peso e dimensioni; il nuovo case misura ora 45,2 x 60,6 mm, con un peso complessivo pari a 45,6 g.

Cancellazione attiva dei rumori

Sicuramente la più grande e attesa novità di questi AirPods Pro. Come ormai gran parte della concorrenza anche Apple porta la cancellazione dei rumori di fondo sui propri auricolari, così da migliorare il sound in cuffie rendendolo più pulito e cristallino; proprio per questo motivo l’azienda ha scelto di passare ad un design in-ear, una caratteristica essenziali per creare già una barriera passiva con l’ambiente circostante. I nuovi AirPods Pro introducono delle prese d’aria per l’equalizzazione della pressione, nuovi driver Apple ad alta escursione ed un’amplificatore ad alta gamma dinamica.

Gli auricolari possono essere utilizzati in due differenti modalità:

  • Cancellazione dei rumori: gli AirPods Pro filtrano i rumori ambientali per offrire un sound immersivo e privo di elementi di disturbo
  • Modalità Trasparenza: gli AirPods Pro consentono di sentire in cuffia i suoni ambientali, così da poter parlare con altre persone intorno a noi senza alcun problema

I nuovi AirPods Pro sono inoltre dotati di equalizzazione adattiva, che gestisce l’equalizzazione automaticamente in base forma delle orecchie per un’esperienza di ascolto “su misura”.

Controlli Touch

airpods_pro_comandi

Rispetto agli AirPods di seconda generazione ritroviamo piccole differenze anche sul fronte dei comandi touch. Gran parte delle funzionalità non cambiano rispetto alla passata generazione tuttavia con i nuovi AirPods sarà possibile, effettuando un tap prolungato, passare dalla modalità con cancellazione dei rumori di fondo alla modalità trasparenza o viceversa. Ancora nessuna possibilità di modificare il livello del volume direttamente dagli auricolari.

Resistenza ad acqua e sudore

A differenza della precedente generazione gli AirPods Pro sono resistenti all’acqua e al sudore; sono stati testati in laboratorio in condizioni controllate ottenendo un rating di grado IPX4 secondo lo standard IEC 60529. Potremo insomma bagnare i nostri auricolari senza particolari patemi, fermo restando la necessità di asciugarli con cura prima di riporli nel case di ricarica.

Autonomia

L’autonomia dichiarata non si discosta molto da quella offerta dagli AirPods di seconda generazione. Senza ANC abilitato i nuovi AirPods Pro offrono le stesse 5 ore della passata generazione, che scendono a 4 ore e mezza con l’attivazione della funzione ANC. Migliora l’autonomia in conversazione c he passa dalle 3 ore degli AirPods di seconda generazione a 3 ore e mezza di conversazione con una singola carica.

Grazie al case in dotazione sarà possibile portare l’autonomia complessiva a 24 ore e con una carica di soli 5 minuti otterremo un’ora di ascolto.

Prezzo

airpods_pro_prezzo

L’unica nota dolente risiede (ovviamente) nel prezzo di vendita. I nuovi AirPods Pro costano infatti ben 279 euro mentre gli AirPods classici di seconda generazione hanno un costo pari a 229 euro per la variante con ricarica wireless e 179 euro per la variante senza ricarica wireless.

Ora che avete più chiare le differenze tra i due modelli cosa avete deciso di fare? Acquisterete i nuovi AirPods Pro o vi accontentate degli AirPods classici di seconda generazione?

News