Apple detiene il 47% del mercato degli smartphone premium

19 giugno 2019 di Giuseppe La Terza

Nel Q1 2019 Apple ha conquistato il 47% del mercato mondiale degli smartphone premium, ma il calo delle spedizioni di iPhone ha contribuito a ridurre le prestazioni complessive del segmento e a far riavvicinare Samsung.

Secondo il report pubblicato da Counterpoint Research questa settimana, il mercato degli smartphone “premium” è in calo con una riduzione dell’8% su base annua. Nello specifico Apple ha visto le unità iPhone spedite diminuire del 20%.

Secondo la nostra analisi, la tendenza degli utenti a tenere i loro iPhone più a lungo ha influito sulle spedizioni di Apple. Il ciclo di sostituzione per iPhone è passato da due fino a oltre tre anni, in media. D’altra parte, i sostanziali cambiamenti di design nella serie Galaxy S10 e la migliore proposta di valore che offre rispetto agli iPhone di fascia alta hanno aiutato Samsung a ridurre il gap con Apple nel segmento premium globale.

La quota di mercato di Samsung, infatti, è cresciuta fino al 25%, forse anche  grazie al fatto che Galaxy S10 è disponibile in fasce di prezzo grazie ai tre modelli messi sul mercato.

L’altro fattore che ha influito sul mercato degli smartphone premium è la Cina.

Le nostre stime suggeriscono che quasi la metà del calo del segmento premium globale nel primo trimestre del 2019 è dovuto alla relativa lentezza del mercato cinese. Tuttavia, ci aspettiamo che quando il 5G inizierà a commercializzarsi in futuro, il segmento premium crescerà nuovamente: nel 2019 e nel 2020, diversi dispositivi 5G dovrebbero essere lanciati nel segmento premium.

Huawei ha rivendicato una quota del 16% nel Q1 2019, ma si prevede che nei prossimi mesi possa vedere ridursi questa percentuale a causa del ban degli Stati Uniti, a vantaggio di Apple e Samsung.

Ad ogni modo, Counterpoint ha rilevato che Apple è ancora il principale fornitore di smartphone premium in Nord America, Europa occidentale, Medio Oriente e Africa.

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.