Apple annuncia i risultati finanziari Q2 2019

Apple ha annunciato i suoi risultati finanziari per il Q2 2019.

Apple ha annunciato i risultati finanziari del secondo trimestre fiscale 2019 che si è concluso il 30 marzo. La società ha registrato un fatturato di 58 miliardi di dollari, con un calo del 5% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

risultati finanziari apple

I risultati finanziari

Dati ancora in calo per Apple, che anche nel secondo trimestre fiscale del 2019 fa registrare un -5% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, per un totale di 58 miliardi di dollari di entrate dall’1 gennaio al 30 marzo. Nello stesso periodo, Apple ha fatto registrare utili trimestrali per azione diluita pari a 2,46$, in calo del 10% rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Le vendite internazionali hanno rappresentato il 61 percento delle entrate del trimestre.

“I risultati del secondo trimestre fiscale mostrano la forza costante della nostra base di oltre 1,4 miliardi di dispositivi attivi in tutto il mondo, visto che abbiamo stabilito un record assoluto per i guadagni derivanti dai servizi. Il trimestre ha fatto registrare anche un forte impulso nelle categorie Wearable, Home e Accessori” ha detto il CEO di Apple, Tim Cook. “Abbiamo anche raggiunto la più alta crescita di iPad in sei anni e siamo entusiasti come mai della nostra linea di prodotti hardware, software e servizi. Non vediamo l’ora di condividere più informazioni con gli sviluppatori e i clienti alla 30a edizione della Worldwide Developers Conference di giugno”. 

Nel Q2 2019 Apple supera quindi gli 1,4 miliardi dispositivi attivi nel mondo, fa registrare record nei guadagni dei Servizi che aumentano del 16%, e conferma la crescita del mercato iPad. Da soli, gli indossabili rientrerebbero nella classifica Fortune 200 delle più grandi aziende USA.

Altri dispositivi e accessori, inclusi AirPods e HomePod, sono cresciuti del 30% anno su anno. Le entrate direttamente associate alle vendite dei dispositivi hardware hanno toccato i 31 miliardi di dollari.

Queste le parole di Luca Maestri, CFO di Apple: “Abbiamo generato un flusso operativo di cassa di 11,2 miliardi di dollari nel trimestre e abbiamo continuato a effettuare investimenti significativi in tutte le aree delle nostre attività. Abbiamo anche restituito oltre 27 miliardi agli azionisti attraverso i riacquisti di azioni e dividendi. Data la nostra fiducia nel futuro dell’azienda e nel valore che vediamo nel nostro stock, il Board ha asutorizzato ulteriori 75 miliardi di dollari per il riacquisto delle azioni. Stiamo inoltre alzando il nostro dividendo trimestrale per la settima volta in meno di sette anni”. 

Il consiglio di amministrazione di Apple ha dichiarato un dividendo in contanti di 0,77 dollari per azione, con un incremento del 5%.

Curiosità e altre notizie

Secondo Cook, le performance di Apple in Cina  sono migliorate rispetto al trimestre precedente, con una importante impennata alla fine di marzo. Tutto questo è stato raggiunto abbassando i prezzi degli iPhone nel paese, fornendo opzioni di acquisto a rate e grazie a nuove politiche fiscali attuate dal governo. Apple ha registrato vendite per 10,22 miliardi di dollari in Cina, Taiwan e Hong Kong. In altri mercati emergenti, India compresa, Apple fa registrare un calo di vendite.

Apple ha fornito anche  le seguenti linee guida per il terzo trimestre fiscale 2019:

  • entrate tra 52,5 miliardi e 54,5 miliardi di dollari
  • margine lordo tra il 37% e il 38%
  • spese operative tra 8,7 miliardi e $ 8,8 miliardi di dollari
  • altri proventi / spese pari a 250 milioni di dollari
  • aliquota d’imposta di circa il 16,5 percento

Per quanto riguarda le altre note di interesse:

  • Il volume delle transazioni di Apple Pay è più che raddoppiato
  • Apple Pay sarà presto attivo alla MTA di New York e per l’acquisto e l’accesso alle partite della NFL
  • Tra tutti i servizi offerti da Apple ci sono 390 milioni di abbonamenti a pagamento, con un  aumento di 30 milioni nell’ultimo trimestre. In totale, 500 milioni di abbonamenti sono previsti entro la fine del 2020.
  • Le sottoscrizioni a pagamento per servizi di terze parti sono cresciute del 40%
  • Il fatturato dei prodotti è calato del 9%, ma è stato trainato principalmente dagli iPhone
  • Il margine lordo sui prodotti è del 31,2%, il margine lordo sui servizi del 63,8%
  • L’81% delle aziende intervistate prevede di acquistare iPhone, con un tasso di soddisfazione del cliente del 99% per iPhone XS, XS Max e  iPhone XR. Il tasso di soddisfazione dei clienti iPad è del 96%
  • Quasi la metà degli acquisti Mac nel trimestre derivano da nuovi utenti
  • Tre quarti degli acquisti di Apple Watch derivano da nuovi utenti
  • Record di vendite per Apple Watch nel Q2
  • Vendite dei Mac frenate dalla difficoltà dei fornitori di realizzare alcuni componenti
  • Le compagnie aeree adottano sempre più iPad non solo per i piloti, ma anche per la manutenzione
  • Tim Cook ha confermato che il programma di riciclo e permuta degli iPhone sta andando sempre meglio e incide sempre di più sulle entrate
  • Anche il business delle pubblicità su App Store sta crescendo

In cassa ci sono 225,4 miliardi di dollari, in calo dell’8% rispetto allo scorso trimestre

Come accade ormai da tempo, Apple non ha condiviso i risultati finanziari con i numeri di vendita di iPhone, iPad e Mac. Per quanto riguarda gli iPhone è probabile che le vendite siano ancora in calo anno su anno, ma i servizi stanno in piccola parte compensando queste perdite. Tim Cook ha comunque affermato che il programma trade-in (permuta) sta facendo registrare ottimi numeri, con un volume  quattro volte superiore rispetto allo stesso trimestre di un anno fa.

Tim Cook su Qualcomm: “Sono felice di aver messo il contenzioso alle nostre spalle, e ora tutto è risolto. Siamo molto felici di avere un contratto pluriennale di fornitura e siamo felici di avere un accordo di licenza diretta con Qualcomm”.

Cook ha anche confermato che Apple punterà sul 5G in futuro.

Il trimestre ha fatto registrare risultati finanziari Apple in calo rispetto allo scorso anno, ma comunque migliori rispetto alle previsioni tanto che il valore delle azioni AAPL è già salito del 5%.

News