Il CEO di Foxconn lascerà l’azienda, ma conferma la produzione degli iPhone in India

15 aprile 2019 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Il CEO di Foxconn Terry Gou ha confermato ufficialmente che la sua azienda inizierà presto la produzione degli iPhone in India. Inoltre, lo stesso Gou fa sapere che lascerà il suo incarico a fine anno.

Dopo le tante voci e le tante speculazioni, Gou ha tolto ogni dubbio e ha confermato che Foxconn sta discutendo con il governo indiano i termini degli investimenti per avviare la produzione degli iPhone nel paese. L’azienda avrà infatti dei benefit in cambio di investimenti finalizzati all’espansione di alcuni stabilimenti già presenti in India.

L’idea di Foxconn è quella di espandersi sempre di più in India, anche per la produzione di smartphone e altri prodotti non legati direttamente ad Apple. Una scelta molto importante e non certo inaspettata, visto che la Cina sta pagando l’impatto dei dazi imposti dal governo USA. Tra l’altro, il costo della manodopera in Cina è tre volte superiore a quella in India.

Al momento non è chiaro quali iPhone saranno prodotti in India da Foxconn, ma è molto probabile che inizialmente si lavorerà solo alla produzione degli iPhone X da vendere nel paese a prezzi più accessibili per i cittadini indiani.

Ricordiamoc che Apple ha anche un altro partner in India: Wistron, infatti, da tempo produce gli iPhone SE e gli iPhone 7 che vengono venduti nel paese.

Intanto, lo stesso Terry Gou ha confermato che lascerà il suo posto di CEO in Foxconn: “Ho già 69 anni e i miei 45 anni di sperienza nel settore possono bastare. Questo è il mio obiettivo attuale: permettere ai giovani di imparare prima e di prendere il comando della Foxconn“.

Terry Gou si candiderà alle elezioni per diventare presidente di Taiwan: “Pace, stabilità, economia, futuro, sono i miei valori fondamentali”. Il suo sostituto in Foxconn potrebbe essere Lu Sung-Ching.

Foxconn è stata fondata proprio da Gou a Taiwan nel 1974. Il primo grande lavoro fu quello di produrre i joystick per la console Atari nel 1980. Un grande passo avanti venne fatto nel 1996, quando l’azienda entrò nella catena di fornitura Apple per la produzione di alcuni componenti in telaio. In quell’anno, Foxconn iniziò a lavorare anche per IBM, HP e Compaq.

Dal 1997 in poi, Foxconn non si è limitata solo alla produzione di metalli e plastica, ma anche di componenti elettronici. Tra i clienti più importanti di oggi figurano Apple, Sony (per la PlayStation) e Dell.

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.