Qualcomm deve pagare 1 miliardo di dollari ad Apple!

15 marzo 2019 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Qualcomm deve pagare ad Apple una somma vicina al miliardo di dollari come rimborsi sui diritti dei brevetti. Questa è la decisione preliminare presa dal giudice distrettuale della California che, di fatto, ha dato ragione ad Apple in una delle battaglie legali contro Qualcomm.

Secondo il giudice, Qualcomm deve rimborsare questa cifra ad Apple in quanto parte di un accorto commerciale tra le due società.

La sentenza odierna non è correlata al processo sui brevetti che si è concluso ieri (la cui sentenza è attesa nelle prossime settimane), ma riguarda invece la causa per il rimborso di Apple contro Qualcomm. Due anni fa, Apple ha fatto causa a Qualcomm affermando che la società si era rifiutata di pagare i rimborsi dei diritti di brevetto previsti dall’accordo.

Come spiegato da Reuters, i fornitori di Apple pagavano delle royalties a Qualcomm per utilizzare la tecnologia brevettata di Qualcomm integrata negli iPhone, cifra che poi Apple rimborsava ai suoi fornitori. Qualcomm e Apple avevano poi stipulato un accordo in base al quale Qualcomm avrebbe pagato a Apple un rimborso parziale su quei pagamenti di brevetti usati su iPhone, ma solo se Apple non avesse attaccato in tribunale l’azienda proprio per quei rimborsi fatti pagare ai fornitori.

Il problema è che Qualcomm ha poi smesso di rimborsare quei pagamenti perché Apple “avrebbe rotto l’accordo” sollecitando altri produttori di smartphone a denunciare Qualcomm per comportamenti anti-concorrenziali. Apple si è invece difesa dicendo che ha semplicemente risposto ad alcune domande delle autorità sudcoreane nell’ambito di alcune indagini in corso contro la stessa Qualcomm.

La sentenza odierna dà quindi ragione ad Apple, confermando che è stata Qualcomm a violare l’accordo. Adesso, il produttore di chip modem deve rimborsare ad Apple una cifra vicina al miliardo di dollari.

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.