Apple Store, un’evoluzione lunga 18 anni

31 gennaio 2019 di Luca Ansevini

Da ormai diversi anni gli Apple Store sono un tratto distintivo dell’azienda di Cupertino oltre che un grandissimo traino per le vendite dei dispositivi targati Apple. Store che si sono evoluti nel corso degli anni, fino a diventare delle vere e proprie opere architettoniche.

I negozi Apple non sono solamente dei semplici luoghi di vendita al dettaglio dei prodotti ma spesso anche luoghi di incontro e di formazione grazie ai diversi meeting e corsi di formazione che gli utenti possono seguire. Gli Apple Store situati in tutto il mondo sono un grandissima arteria per le vendite dell’azienda e a dimostrarlo non sono solamente i numeri di vendita ma anche la continua espansione delle rete di vendita dell’azienda di Cupertino che vanta oltre 450 negozi, un risultato decisamente incredibile se si pensa all’iniziale scetticismo verso le velleità espansionistiche di Steve Jobs che ha invece saputo mettere in campo una politica vincente.

Dagli Stati Uniti in tutto il mondo

Da quel 19 maggio 2001, data inaugurale dei primi due negozi rispettivamente di Tysons Corner (Virginia) e Glandale (California), quella degli Apple Stores è una storia lunga ormai quasi 18 anni che ha senza dubbio rinnovato il concetto di vendita al dettaglio arrivando a creare intorno all’azienda di Cupertino quell’appeal ancora oggi ineguagliato nel settore dell’high-tech. L’inaugurazione di ogni nuovo negozio è infatti una vera e propria festa, con folle di clienti in fermento pronti a dare l’assalto ai prodotti disposti lungo i tavoli e gli scaffali dei negozi.

Nel 2003 gli Apple Store approdano per la prima volta al di fuori del territorio a stelle e strisce arrivando in Giappone e dando il via ad una sempre più capillare espansione in tutto il mondo, giunta in Europa solamente nel 2004 con l’apertura dell’esclusivo Apple Store di Regent Street a Londra; la stessa capitale britannica al momento ospita il più grande Apple Store al mondo, situato a Covent Garden.

Ci vogliono altri 3 anni invece per vedere finalmente il primo Apple Store nel nostro paese; il 31 marzo 2007 apre al centro commerciale di RomaEst il primo Apple Store italiano il quale ha dato il via negli anni a venire ad una grande espansione della rete di vendita anche in Italia, sesto paese al mondo per numero di Apple Store con ben 17 esercizi in attività.

Architettura di un Apple Store

Ciò che ha però da sempre contraddistinto gli Apple Store è la grandissima attenzione alla progettazione e nel design, riflesso della politica con cui l’azienda pensa e costruisce i propri prodotti studiando meticolosamente ogni singolo dettaglio. La grande espansione della rete di vendita ha portato Apple ad abbandonare negli anni le comuni mura di centri commerciali per dare il via alla costruzione di strabilianti negozi dalle linee uniche e decisamente affascinanti sotto il profilo architettonico; impossibile non citare l’ormai famosissimo Apple Store Fifth Avenue a New York, noto per l’enorme cubo realizzato interamente in vetro che si erge all’esterno della struttura principale.

Lo stile architettonico dei negozi Apple è stato in questi anni una delle più eleganti rappresentazioni del concetto di flagship retail store, diventando in breve tempo un vero e proprio modello di riferimento per il settore. I grandi spazi interni racchiudono un design minimale molto piacevole e le grandi vetrine contribuiscono a rendere le ampie aree interne molto luminose, grazie anche al colore bianco predominante dei negozi Apple. Le grandi strutture in vetro esterne di molti Apple Store esprimono quel carisma tipico dell’azienda di Cupertino, che ama farsi distinguere nella nutrita concorrenza.

A curare i migliori Apple Store del mondo ci sono grandi firme come lo studio Bohlin Cywinski Jackson, l’azienda Eight Inc e studi di ingegneria come Eckersley O’Callaghan. Tra i grandi nomi del settore anche Foster + Partners che segue attualmente tutta la parte riguardante l’esperienza in store, un qualcosa a cui Apple ha sempre dimostrato di tenere molto.

Gli spazi interni sono caratterizzati da una soluzione estetica ricercata e distintiva dell’azienda, con arredamenti realizzati esclusivamente in legno ed uno stile molto minimale. Sopra i celebri tavoli in legno sono posizionati i dispositivi dell’azienda, i veri protagonisti la cui disposizione non è casuale ed è pensata proprio per favorire la massima attenzione ad ogni singolo prodotto; nelle grandi catene di elettronica è molto frequente ritrovare grandi ammassi di prodotti disposti in maniera poco ordinata, un errore che l’azienda di Cupertino non vuole commettere dando ad ogni singolo prodotto la giusta visibilità ed il suo spazio.

Da alcuni mesi però anche l’Italia vanta il suo primo flagship store situato in Piazza Liberty a Milano ed il cui maestoso ingresso viene bagnato da una grande fontana, uno spettacolo davvero unico nel suo genere e alla cui inaugurazione eravamo presenti anche noi di iPhoneItalia insieme a molti di voi.

La Genius Bar, il cliente al centro di tutto

Il grandissimo successo della catena di vendita dell’azienda di Cupertino non passa però solo da una maniacale cura in termini di design ma anche dalla massima attenzione verso il cliente ed in questo i grandi protagonisti sono proprio loro, ovvero i dipendenti che popolano i negozi di tutto il mondo. I Genius si occupano infatti di accompagnare il cliente passo dopo passo in ogni singolo step della propria esperienza in negozio, il tutto ovviamente offrendo la massima competenza possibile. Da una sempre maggiore esigenza degli utenti finali nacque la Genius Bar, ovvero una sorta di area dedicata al supporto post vendita dei prodotti dell’azienda. Uno dei grandi pregi della catena di vendita al dettaglio di Apple è rappresentato proprio dalla capacità della Genius Bar di offrire assistenza immediata e rapida al cliente, un qualcosa che ancora oggi nessuna altra azienda del settore è riuscita ad eguagliare.

A tutto questo possiamo aggiungere le numerosissime iniziative formative proposte da Apple all’interno dei suoi negozi, che grazie al programma Today At Apple si avvicina ancor più al cliente con corsi e laboratori rivolti a tematiche come la fotografia, la musica e tante altre attività svolte ovviamente con l’ausilio dei prodotti Apple.

Gli Apple Store non sono più dei semplici negozi ma veri e propri punti di riferimento per i clienti dell’azienda, che hanno in questi anni contribuito in larga parte a creare un filo diretto tra Apple e i consumatori. Se molti ancora dovessero porsi quesiti sulle origini del grande attaccamento all’azienda da parte dei clienti ebbene in parte possiamo dire che gli Apple Store hanno sicuramente rappresentato una carta vincente fondamentale per il grande successo dell’azienda, un successo capace di infondere un affetto quasi religioso negli utenti e ancora oggi assolutamente ineguagliato da tutti i competitors di settore.

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.