Repubblica: “George Hotz, il genietto della pirateria che spaventa Steve Jobs”

18 novembre 2009 di Andrea Cervone (@AndreaCervone)

George Hotz, in arte GeoHot, e il suo Blackra1n sono ormai conosciuti non solo in America ma in tutto il mondo. Il ragazzo, infatti, è finito sulle pagine di quotidiani importanti come Repubblica.

GH

Nell’articolo originale (nel quale sono però presenti alcune imperfezioni…) lo scontro Apple – GeoHot viene paragonato alla storia di Davide e Golia, evidenziando come il giovane hacker riesca sempre e in tempi brevissimi a sviluppare nuovi tools per lo sblocco ed il jailbreak dei dispositivi della Mela.

Viene riportata anche un’affermazione dello stesso GeoHot che parla del suo primo unlock:

“Quella volta ci ho messo 500 ore, ma rispetto alle difficoltà attuali è stato un gioco.”

Ricordiamo che nei primi momenti il ragazzo non privilegiava di una elevata credibilità e il suo progetto veniva catalogato come fake, ma naturalmente i fatti hanno dato ragione a George che è stato in grado di imporsi anche su nomi importanti del settore jailbreak-unlock come il Dev Team.

La fama del ragazzo quindi è destinata a crescere sempre di più nei prossimi mesi.

Se volete leggere l’articolo integrale, con una piccola biografia del “genietto”, cliccate qui.

Fonte: La Repubblica

Grazie Mirko per la segnalazione

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.