l’iPhone 7 è un terminale innovativo o un semplice iPhone 6s(s)?

Dopo mesi e mesi di rumor, l’iPhone 7 è ufficiale. Malgrado sapessimo quasi tutto del nuovo smartphone, Apple è stata brava durante il keynote, visto che i vari “presentatori” sono riusciti ad appassionarci (o quanto meno ci hanno provato) su tutte le novità più importanti dei nuovi dispositivi. Ora, a mente fredda, possiamo fare alcune considerazioni: l’attesa è stata premiata o dobbiamo considerare questo iPhone come un 6s(s)?

iphone-71

Cominciamo dalle cose ovvie: non ci sono state sorprese. La maggior parte dei rumor erano veritieri e, nel complesso, tutte le novità hanno rispecchiato quello che si aspettavamo. Il design dell’iPhone 7 è praticamente identico a quello dei mockup, e lo stesso dicasi per i vari prototipi che abbiamo visto nei giorni scorsi: linee simili a quelle dell’iPhone 6s, con qualche piccola differenza sul retro dove le bande dell’antenna sono state spostate sui bordi e sulla fotocamera, che ora è stata ridisegnata. La grande novità estetica riguarda i due colori neri.

Non è un caso se tutte le immagini ufficiali dei nuovi iPhone scelte da Apple puntano sul colore Jet Black, il nero lucido che è davvero la grande novità estetica di questa versione.  Con la sua finitura a specchio, la parte posteriore dell’iPhone sembra molto simile alla schermata nera del display da spento, dando la sensazione di un dispositivo senza soluzione di continuità. Peccato che la stessa Apple inviti i clienti che sceglieranno il Jet Black a tenere l’iPhone in una custodia, visto che questa colorazione è molto più sensibile a rovinarsi rispetto alle altre…

Altra novità riguarda i tagli: addio alle versioni da 16 e da 64 GB. Peccato, perchè la soluzione da 64GB era quella preferita dagli utenti, un’ottima via di mezzo. Con le nuove fotocamere, anche 32GB sono pochi e molti saranno costretti ad acquistare la versione da 128GB che in Italia supera i 1.000€ per il modello Plus. Per gli incontentabili è possibile scegliere anche il taglio da 256GB!

Lo schermo è del 25% più luminoso e offre colori più naturali. Interessanti anche gli speaker stereo, che vista però la loro vicinanza daranno solo la sensazione di un volume più alto, e non di un vero effetto “stereo”. I nuovi iPhone sono anche più leggeri, ma la differenza con il 6s è praticamente impercettibile durante l’uso quotidiano.

Sulla batteria non possiamo ancora esprimerci, anche se Apple assicura prestazioni migliori grazie al nuovo processore A10 in grado di assorbire molta meno energia.

La grande novità riguarda l’impermeabilizzazione, con l’iPhone 7 che può essere usato sotto la doccia e immerso in acqua fino a 1 metro, per un massimo di 30 minuti. Una novità che gli utenti Apple attendevano da anni, ma l’azienda nonn ha fatto altro che integrare uno standard utilizzato ormai dalla gran parte degli smartphone di fascia medio-alta. Tra l’altro, i danni da liquido non saranno comunque coperti dalla garanzia.

Anche il tasto Home è stato modificato, e ora è di tipo tattile. Chi ha provato l’iPhone 7 dice che bisogna abituarsi a questo nuovo tasto, forse troppo sensibile al tocco (anche se tale impostazione è modificabile su iOS 10). Molto interessanti, invece, sono le AirPods e il loro processore che si interfaccia alla perfezione con l’iPhone per l’abbinamento automatico e immediato.

Il reparto con maggiori novità riguarda quello della fotocamera. La fotocamera da 12 megapixel include la stabilizzazione ottica dell’immagine sia su iPhone 7 che su iPhone 7 Plus; il diaframma con una maggiore apertura di ƒ/1.8 e l’obiettivo con lente a sei elementi assicurano foto e video più luminosi e dettagliati, mentre la capacità di catturare un’ampia gamma cromatica garantisce colori più vivaci e maggiori dettagli. iPhone 7 Plus ha la stessa fotocamera da 12 megapixel con grandangolo dell’iPhone 7, con in più un teleobiettivo da 12 megapixel per offrire uno zoom ottico 2x e uno zoom digitale fino a 10x per le foto. La doppia fotocamera da 12 megapixel consente inoltre un nuovo effetto profondità di campo, utilizzando entrambe le fotocamere dell’iPhone 7 Plus per acquisire le immagini, mentre una tecnologia con apprendimento automatico separa lo sfondo dal primo piano per dar vita a ritratti straordinari un tempo possibili solo con le fotocamere DSLR.

Altri miglioramenti apportati alle fotocamere includono:
  • Nuovo processore d’immagine (ISP) progettato da Apple, capace di elaborare oltre 100 miliardi di operazioni su una singola foto in soli 25 millisecondi
  • Nuova videocamera FaceTime HD, con foto da 7 megapixel, ampia acquisizione cromatica, evoluta tecnologia pixel e stabilizzazione automatica dell’immagine
  • Nuovo flash True Tone quad-LED, più luminoso del 50% rispetto all’iPhone 6s e dotato di un sensore che rileva il tremolio delle luci e lo compensa nei video e nelle foto

Insomma, Apple fa affidamento alla intelligenza artificiale per gestire la DSLR e offre tantissime funzioni in più, per una qualità senza eguali su altri smartphone in commercio. Peccato che le novità maggiori siano presenti solo sul modello Plus.

Inserire tutte queste novità “interne” ha poi costretto Apple ad eliminare il jack audio da 3.5mm, rischiando molto con l’unico connettore Lightning a disposizione per sentire la musica con cavo e ricaricare il dispositivo…

Alla luce di queste novità, come possiamo definire il nuovo iPhone 7?

Forse, il modello da 4.7 pollici è effettivamente una versione S. Maggiore durata della batteria, impermeabilizzazione, e fotocamera migliorata. Insomma, novità interessanti ma non rivoluzionarie. Il Plus, invece, è un’altra storia: profondità di campo, zoom ottico, migliore resa al buio… insomma, comparto fotografico completamente rivoluzionario e rivoluzionato. Questo è un vero iPhone 7 e non una versione “s”.

Cosa ne pensate?

Approfondimenti