Microsoft PowerPoint per iPhone – Tutto quello che serve sapere [VIDEO]

29 Novembre 2014 di Francesco Siciliani (@FrSiciliani)

Dopo aver analizzato nei dettagli Microsoft Word e Microsoft Excel per iPhone e aver confrontato le loro caratteristiche con Pages e Numbers di Apple (ovviamente se vi siete persi gli articoli/video potete cliccare qui per Word e qui per Excel), ora è il turno di Microsoft PowerPoint e ovviamente di Keynote di Apple. Andremo a vedere tutte le funzionalità dei due software e proveremo a confrontarli al meglio.

Sin dalla sua prima apparizione su piattaforme desktop, PowerPoint è sempre stata una delle migliori soluzioni per la creazione e la gestione delle presentazioni multimediali su PC (e poi anche su Mac). Ora però sarà capace di ottenere il primato anche su iPhone e iPad dato che dovrà competere con Keynote, uno dei migliori software di Apple?

Ovviamente anche su iPhone, PowerPoint è un’app che ci aiuta a creare presentazioni multimediali aggiungendo svariati contenuti. Dall’interno dell’app possiamo inserire i vari contenuti come ad esempio foto, testo, forme, tabelle, ecc, andare a modificare tutti gli elementi (formattazione, colori, layout, sfondo, WordArt, tabelle, dati, ecc). Ovviamente potremo inserire quante diapositive aggiuntive vorremo, anche scegliendo da alcuni temi pre-impostati. Ancora, una volta preparato il documento, possiamo scegliere di animare le transizioni tra le diapositive e anche di animare gli oggetti presenti all’interno delle diapositive. Ad esempio possiamo far entrare un testo o una foto in un determinato modo e prepararne l’uscita in un altro modo (magari con una dissolvenza, ecc).

Anche in quest’app ci sono alcune differenze con l’account a pagamento quindi con Office 365. Parliamo delle stesse limitazioni viste nei due precedenti software (quindi limiti tabelle, limiti colonne, limiti ombreggiatura immagini, limiti WordArt, ecc) con in più una limitazione esclusiva per PowerPoint nella modalità presentatore.

Ma il funzionamento di queste app ormai lo conoscete. E Keynote è pressoché identica: ci permette di eseguire le stesse operazioni, anche se con delle differenze. Cosa cambia con Keynote quindi? L’app di Apple è di gran lunga più semplice da usare rispetto a PowerPoint. Ma non solo, l’app di Apple è anche più elegante e intuitiva e ci permette di creare documenti in modo molto più semplice e in ogni caso senza troppo stress. E’ molto più comoda da usare rispetto a PowerPoint perchè ci fa focalizzare solo su ciò che è realmente importante. Ancora, su PowerPoint mancano alcune funzioni importanti come la possibilità di stabilire una gerarchia tra le diapositive (cosa utile se si vogliono raggruppare le diapositive in gruppi distinti). A livello di condivisione le cose restano uguali a Word e Pages e ad Excel e Numbers. Su Office c’è OneDrive e Dropbox (oltre che gli allegati mail) mentre su iWork di Apple c’è iCloud, qualsiasi app installata sul dispositivo, mail, messaggi, ecc.

Se le altre app potevano competere molto più agevolmente con le controparti di Apple (soprattutto in termini di intuitività), PowerPoint deve accontentarsi di essere un software più macchinoso e immediatamente comodo solo per chi lo ha sempre usato anche su Desktop (magari con l’abitudine le cose poi cambiano). Personalmente preferisco eliminarlo dal mio dispositivo e continuare ad usare Keynote al suo posto, anche se non metto in dubbio che possa rivelarsi utile per chi lavora in un ecosistema Microsoft (o per chi vuole usarli entrambi).

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.