Grazie all’iWatch si potrebbe attivare automaticamente “Non Disturbare” quando andiamo a dormire

22 Giugno 2014 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Apple e la salute sono il binomio che potrebbe portare tantissime novità entro la fine dell’anno. Grazie all’iWatch, e ad un brevetto datato 2010, l’iPhone potrebbe attivare automaticamente alcune funzioni in base allo stato di salute dell’utente.

Schermata 2014-06-21 alle 12.46.53

Un esempio viene fornito direttamente da Apple: grazie ai sensori di un “braccialetto associato all’iPhone” (leggasi smartwatch), il dispositivo è in grado di registrare il battito cardiaco dell’utente e di comportarsi di conseguenza. Se il sensore rileva un battito cardiaco basso, associabile quindi al sonno, allora l’iPhone attiva automaticamente la modalità “Non Distrubare”, in modo tale che le notifiche non infastidiscano l’utente che sta dormendo.

Ancora, l’iPhone può aumentare il volume delle notifiche se il sensore riconosce un battito cardiaco più veloce, associabile ad un’attività fisica come la corsa. Gli esempi sono tantissimi, con la possibilità per l’iPhone di “imparare” i comportamenti dell’utente in base ai vari utilizzi.

 

 

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.