Esperti spiegano perchè Apple ha chiesto 2 miliardi di dollari a Samsung

Nel corso del processo tra Apple e Samsung, una serie di consulenti voluti dai legali di Cupertino hanno spiegato perchè l’azienda sudcoreana merita di pagare i 2 miliardi di dollari richiesti proprio da Apple per la violazione di 5 brevetti.

apple_samsung_logos

Il primo testimone è stato John Hauser, professore di marketing presso la Sloan School of Management del MIT, il quale ha sostenuto che le caratteristiche specifiche brevettate da Apple, come lo slide to unlock, hanno reso i dispositivi Samsung più attraenti di fronte ai consumatori. Per giungere a questa conclusione, Hauser ha intervistato 966 clienti Samsung (507 proprietari di uno smartphone e 459 proprietari di un tablet) chiedendo loro quali sono le caratteristiche specifiche dei propri dispositivi. La gran parte degli intervistati ha risposto citando alcune funzioni brevettate da Apple e “copiate” da Samsung: ricerca universale, sblocco tramite gesture, quick link, correttore automatico e sincronizzazione in background.

Tali parametri sono stati poi utilizzati per determinare quanto pagherebbe la gente per avere queste caratteristiche su un dispositivo che ne fosse privo, giungendo alla conclusione che i clienti sarebbero dispositivi a sborsare dai 32$ ai 102$ per ogni singola funzione. Per il professore, quindi, queste funzioni brevettate da Apple hanno avuto un impatto molto importante sulla domanda dei consumatori per i dispositivi Samsung.

I legali di Samsung hanno contestato la metodologia di Hauser, la cui conclusione era che l’azienda sudcoreana ha venduto gran parte dei suoi dispositivi grazie alle funzioni copiate da Apple, in quanto il professore ha trascurato l’importanza del brand e del sistema operativo Android.

Dopo la testimonianza di Hauser, ha preso la parola l’economista del MIT Chis Vellturo, il quale ha spiegato come Apple sia arrivata a chiedere i 2 miliardi di dollari protagonisti del processo. I danni, ha detto l’esperto, sono un mix di profitti persi e di royalties che Apple avrebbe avuto diritto a ricevere per ogni dispositivo Samsung venduto. Tra l’altro, continua Vellturo, la violazione di questi brevetti ha fruttato un sacco di vendite per Samsung, visto che i dispositivi incriminati sono stati rilasciati in un momento di grande richiesta da parte dei consumatori: “Senza quei brevetti, Samsung non avrebbe raggiunto così facilmente la facilità di utilizzo e l’esperienza utente che avevano decretato il successo di Apple“.

[via]

 

 

iPhone 14 Pro in sconto su amazon logo

News