Con Push launcher è possibile lanciare le app dal centro notifiche anche senza jailbreak

29 Luglio 2013 di Enrico Ferro

Gli utenti più smaliziati che si cimentano con il jailbreak sanno bene quanto i vari tweak possano stravolgere e migliorare le caratteristiche e le funzioni di iOS. Un esempio di cui probabilmente avrete letto in questi giorni riguarda InstaLauncher, che consente di implementare un comodo e veloce mezzo per il lancio delle applicazioni. Beh, anche se “Push lancher” ha ben poco da poter paragonare a InstaLauncher, anche questo promette di consentire agli utenti di lanciare rapidamente le app ed in particolare di farlo dal centro notifiche degli iDevice pur senza jailbreak.

Push launcher

[app 650538760]

Personalmente ritengo che iOS senza jailbreak presenti una miriade di limiti e se in futuro Apple dovesse riuscire ad impedire definitivamente la procedura penso che valuterei seriamente di migrare ad un altro sistema operativo. D’altra parte devo ammettere che, da un lato Apple stessa sta via via apportando una serie di migliorie prima impensabili senza jailbreak, colmando quindi il “gap” dell’esperienza utente, dall’altro gli sviluppatori indipendenti stanno contribuendo ad arricchire gli iDevice non solo con splendide app ma, a volte, anche con utili funzioni e Push launcher, seppur entro certi limiti, è una di queste.

Di per sè Push Launcher è un’app estremamente semplice che però utilizza un valido escamotage per consentire agli utenti di lanciare una o più app direttamente dal centro notifiche (che in iOS 7 potrà essere richiamato anche dalla lock screen). L’app, infatti, non fa altro che sfruttare le notifiche push supportate da iOS per creare nel centro notifiche una sorta di collegamenti alle applicazioni installate nel dispositivo. In sostanza, dopo che avrete adeguatamente definito le app che desiderate poter lanciare dal centro notifiche, troverete in quest’ultimo una o più notifiche che con un “tap” vi farà rapidamente accedere alla relativa app.

foto 3

Se ci pensate il procedimento non è nuovo: ad esempio, se non avete tweak che semplificano la vita, è la stessa cosa che accade quando ricevete un messaggio in WhatsApp: la notifica viene visualizzata nel banner e poi nel centro notifiche e se cliccate su di essa iOS vi porta automaticamente dentro l’app perché possiate leggere il messaggio ed eventualmente rispondere.

Quello che hanno fatto gli sviluppatori di Push launcher non è stato altro che “piegare” ai loro scopi una funzione già presente in iOS.

A questo punto, probabilmente vi starete chiedendo: “Ma praticamente come funziona”? In realtà è tutto molto semplice, non dovrete far altro che avviare Push launcher, impostare le app per le quali desiderate creare il collegamento veloce (volendo scegliendole dalla lista auto-generata di quelle installate), eventualmente associare ad una o più di esse una notifica programmata ed uscire dall’app. Poco dopo (o all’ora che avrete stabilito) vedrete comparire la notifica push che vi consentirà di accedere all’app. Per poter utilizzare al meglio l’escamotage offerto da Push launcher gli sviluppatori suggeriscono di portare in prima posizione le relative notifiche nel centro notifiche, il che, però, non è indispensabile.

foto 1

Ma, al di là di quanto sopra spiegato, vediamo un po’ meglio come si presenta Push launcher. Come ormai accade in moltissime app, al primo avvio verrete accolti da un sintetico quanto esplicativo tutorial, tramite il quale imparerete come sfruttare al meglio l’app.

Ad esempio, scoprirete che potete aggiungere nuove app nell’elenco del launcher tirando giù la schermata; che potrete organizzarne l’ordine semplicemente mantenendo premuto su una di esse e poi spostandola nella posizione desiderata; che tramite swipe (da sinistra a destra e da destra a sinistra, corti o lunghi) potrete aggiungere le app in elenco a quelle per le quali ricevere le notifiche o eliminarle, programmare l’orario della notifica o modificare l’app selezionata.

In aggiunta a quanto sopra, poi, c’è da dire che l’elenco presente nella schermata principale di Push launcher consente, a sua volta, di avviare direttamente da lì le app presenti, funzionando, quindi, come un launcher.

foto 2

Per finire, un’ultima chicca: tramite i tre puntini presenti in basso a sinistra della schermata di Push launcher è possibile accedere al menù dell’app; ebbene, noterete che le relative icone sono già in stile iOS 7. Con esse, comunque, potrete eliminare tutte le notifiche che avete precedentemente impostato; potrete accedere nuovamente al tutoria, ove necessario, potrete condividere o suggerire l’app via Facebook, Twitter o email, oppure modificare il colore del tema (dal blu al nero), contattare gli sviluppatori o lasciare la vostra valutazione dell’app sullo Store.

foto

Conclusioni: come accennato in apertura, pur con tutti i limiti del caso, bisogna riconoscere che Push launcher è ingegnosa e funziona. Personalmente, essendo abituato alla ben altra comodità dei risultati che si possono ottenere tramite i vari tweak presenti su Cydia, lascio a voi le considerazioni riguardo la praticità della funzione offerta nell’uso di ogni giorno. Quel che è certo è che, se siete tra coloro che desiderano mantenere l’iPhone “come mamma l’ha fatto” e tuttavia vi farebbe comodo poter sfruttare questi collegamenti rapidi alle app, Push launcher potrebbe fare al caso vostro.

Pro:

  • Lancio rapido delle app direttamente dal centro notifiche
  • Utilizzo ingegnoso delle funzioni native presenti in iOS
  • Funzionamento anche senza Jailbreak
  • Icone già in linea con iOS 7
  • Tutorial

Contro:

  • Le notifiche (leggi collegamenti veloci) scompaiono dopo essere state utilizzate, fino alla nuova impostazione o notifica programmata.
  • La visualizzazione nel centro notifiche non è particolarmente piacevole e pratica. Decisamente meno bella di quella che si può ottenere con altri tweak presenti su Cydia che consentono di lanciare le app in modo alternativo.

Push launcher è disponibile su App Store per 0,89 euro.

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.