Apple brevetta un sistema per monitorare l’eventuale presenza di malfunzionamenti nella batteria

31 maggio 2012 di Andrea Scrimieri (@screamieri)

Secondo quanto riportato da PatentlyApple sembra sia emerso un nuovo brevetto registrato da Apple in merito ad un nuovo battery pack con integrato un sistema per monitorare la presenza di eventuali malfunzionamenti e difetti nella batteria.

Il brevetto è stato pubblicato nella giornata di oggi dallo United States Patent & Trademark Office e sembra descrivere un nuovo battery pack con integrato un sistema che possa monitorare la batteria e segnalare all’utente eventuali malfunzionamenti o difetti mediante l’uso di un meccanismo basato su diversi colori o sensori posto direttamente su di essa. Questo utile sistema di monitoraggio potrebbe essere applicato a diversi dispositivi della compagnia di Cupertino quali iPhone, iPod touch, iPad, MacBook ma, come accennato anche da PatentlyApple, potrebbe essere integrato anche in una fotocamera. In particolare il meccanismo che controlla il cambio di colori sarebbe composto di uno o più strati sigillati che risponderebbero in reazione all’esposizione all’aria o ai cambi di temperatura o stress meccanici; questo sistema potrebbe dunque rilevare danni fisici al battery pack o segnalare altri problemi relativi ad esso.

Sarebbe poi presente un altro meccanismo basato su sensori in grado di rilevare modifiche nella pressione, temperatura o atmosfera all’interno della batteria stessa; questo sarebbe composto di sensori di temperatura, di umidità, di aria, pressione o altri ancora, e potrebbe anche in questo caso avvisare per tempo l’utente. In caso il suddetto sistema rilevi realmente un malfunzionamento sarebbe in grado di generare un segnale per l’utente (visivo, uditivo o sotto forma di notifica) o potrebbe in alternativa intervenire per distaccare la batteria dal dispositivo.

[via]

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.