Su iPhone il mito rivive con l’app “Mostri Mitologici”

07 febbraio 2017 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Mostri Mitologici è un’applicazione interamente dedicata alla mitologia greca e romana, che riporta in vita personaggi come Cerbero, Scilla e Medusa. Disponibile per iPhone e iPad.

Schermata 2017-02-06 alle 13.07.23


Mostri Mitologici è un’app pensata per un pubblico di adolescenti e pre-adolescenti, ma risulta godibile anche per gli adulti e serve a entrare in contatto con i nativi digitali e per introdurre la mitologia nel mondo delle bambine e
dei bambini grazie a uno strumento tecnologico.

L’archeologo Sergio Fontana ha rintracciato i temi mitologici su vasi Attici del VI e del V secolo a.C. e opere
di artigianato e scultura antica (come il duello fra Athena e Aracne raffigurato su un fregio del
Foro di Nerva). Partendo da questi documenti Lucia Conversi ha lavorato sul colore e sulla forma, ridando vita e forza visiva ad immagini di 2500 anni fa.

Anche i suoni e le musiche sono frutto di un lavoro di ricostruzione e di restituzione dell’antico. Se assai poco è stato tramandato della musica greca antica, di certo gli intervalli enarmonici, più piccoli del semitono, formavano sonorità simili a quelle della musica tradizionale araba e indiana. Partendo da queste basi, Paolo Vigliarolo ha composto i
temi musicali dell’app utilizzando strumenti antichi o etnici come i cembali, i crotali, il sistro o la zourna attualmente in uso in Turchia e derivato dall’aulos greco, oltre a vari strumenti a corda. Nel tema di apertura vengono proposte in musica le parole dell’Inno al Sole di Mimnermo di Colofone poeta lirico del VII secolo a.C.

L’indice visuale dell’app è costituito da un planisfero, realizzato secondo le concezioni geografiche antiche, nel quale
il Mediterraneo rappresenta l’intero mondo conosciuto. I protagonisti mitologici sono segnalati in corrispondenza delle coste turche (Aracne) delle Calabria (Scilla), della Sicilia (Tifone e Ecate), della Grecia (Chirone e Acheloo) e di Creta (il Minotauro). Medusa -spedita nelle terre degli Iperborei- è la più settentrionale dei Mostri Mitologici.

Le storie di Mostri Mitologici si sviluppano grazie alla partecipazione attiva degli utenti, coinvolti in interazioni (se toccato, il gatto nero drizza il dorso e miagola sinistramente, quando la vecchia che nasconde le sembianze di Athena propone la fatale gara di tessitura alla giovane Aracne) e giochi in ambiente 3D, come il percorso di Teseo nel labirinto del
Minotauro o la fuga di Ercole dall’Ade, dopo il rapimento di Cerbero.

All’avvio dell’app un planisfero presenta le nove sezioni che raccontano storie di altrettanti
mostri della mitologia greca:

  • Acheloo, il dio fiume dalle molte trasformazioni. La sua storia si svolge in Etolia, Grecia.
  • Il Centauro Chirone, divino ed eterno mostro intellettuale, metà cavallo e metà uomo. E’ in Tessaglia, Grecia, che riesce a liberarsi dall’immortalità
  • Aracne, la tessitrice trasformata in ragno dall’ira di Atena. La sua storia si svolge in Turchia, sulle coste della Lidia
  • Cerbero, il cane a tre teste guardiano del regno dei morti.
  • Ecate, la dea della magia con tre corpi: giovane, adulta e vecchia nello stesso tempo. La storia della figlia dei Titani si svolge vicino Enna, dove si trova il Lago Pergusa, ingresso ufficiale all’Ade.
  • Scilla, da ninfa a mostro marino per la gelosia di una maga. La storia si svolge sulla costa di Reggio Calabria, mentre da Capo Peloro, in Sicilia, arriva Glauco
  • Tifone, la forza esplosiva di un mostro smisurato, che voleva rovesciare il mondo e gli dei. Si scontra con Zeus in Tracia, Grecia balcanica.
  • Medusa, il destino sventurato di una splendida ragazza, confinata nel Nord Europa.
  • Minotauro, nascita, vita e morte del figlio di una regina e di un toro, alla corte di Creta.

L’applicazione è disponibile su App Store al prezzo di 2,99€.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.