Siae e Meta: addio alla musica su Facebook e Instagram?

Clamoroso: a causa del mancato accordo tra Meta e Siae dovremo dire addio ai contenuti musicali tutelati da quest'ultima su Facebook e Instagram.

Siae e Meta non sono riusciti a trovare un accordo per rinnovare la loro partnership, che di conseguenza porterà all’addio ai contenuti musicali tutelati da Siae sulle piattaforme Facebook e Instagram.

meta facebook

Meta, azienda che controlla, tra le altre, Facebook e Instagram, ha annunciato la fine della partnership con Siae, per cui tutta la musica tutelata dalla Siae non potrà più essere utilizzata nei contenuti dei social del gruppo Meta. L’azienda che fa capo a Mark Zuckerberg ci ha tenuto a precisare che l’azienda possiede accordi di licenza in oltre 150 paesi nel mondo, per cui continuerà ad impegnarsi per raggiungere un accordo con Siae nel più breve tempo possibile.

Meta ha rinnovato gli accordi di licenza con partner in Spagna, Francia, Germania, Svezia, Regno Unito e Turchia. Tutti questi accordi si basano sullo stesso modello di compenso che è stato proposto anche a Siae, che però non ha accettato. Per rispondere all’annuncio di Meta, la Società Italiana degli Autori ed Editori ha affermato che la decisione di Meta è “unilaterale e incomprensibile”, ma allo stesso tempo “non accetterà imposizioni da un soggetto che sfrutta la sua posizione di forza per ottenere risparmi a danno dell’industria creativa italiana”. Inoltre, Siae ci ha tenuto a precisare che Meta sia priva di una licenza a partire dal 1 gennaio 2023, ma che sperava nella possibilità di trovare un accordo.

Tuttavia, allo stato attuale, la situazione comporterà dei cambiamenti nelle due principali piattaforme. Su Facebook, i contenuti che contengono musica tutelata dalla Siae verranno bloccati. Su Instagram, invece, verranno semplicemente silenziati. In alternativa, gli utenti potranno utilizzare una delle tracce audio disponibili nel catalogo.

PromoProva Audible fino a 3 mesi gratis!
News