iPhone 14, scopriamo “Rilevamento incidenti” e “SOS emergenze via satellite”

Scopriamo due delle novità della gamma iPhone 14.

La gamma iPhone 14 integra due funzioni legate alla sicurezza degli utenti: “Rilevamento incidenti” e “SOS emergenze via satellite”.

Rilevamento incidenti

Rilevamento incidenti su iPhone sfrutta il nuovo accelerometro dual-core in grado di rilevare le misurazioni di forza g fino a 256G e il nuovo giroscopio ad alta gamma dinamica, per rilevare incidenti d’auto di grave entità e far partire in automatico una chiamata ai soccorsi quando una persona è incosciente o non è in grado di raggiungere il suo iPhone.

Gli algoritmi di movimento progettati da Apple sono addestrati con oltre un milione di ore di test su strada e i dati del registro degli incidenti, per garantire una precisione ancora maggiore. Unito ad Apple Watch, Rilevamento incidenti sfrutta la potenza di entrambi i dispositivi per assicurare all’utente una pronta assistenza.

Quando viene rilevato un incidente d’auto di grave entità, l’interfaccia per la chiamata ai servizi di emergenza appare su Apple Watch, dato che è probabilmente il dispositivo più vicino all’utente, mentre la chiamata viene inoltrata tramite iPhone se è nel raggio di copertura così da garantire la migliore connessione possibile.

SOS Emergenze via satellite

Con la gamma di iPhone 14 fa il suo debutto anche la funzione SOS emergenze via satellite, che combina componenti integrati con il software in modo che, quando non c’è copertura della rete cellulare o Wi-Fi, le antenne possano connettersi direttamente a un satellite e contattare i servizi di emergenza via messaggio.

I satelliti sono oggetti in movimento con una larghezza di banda ridotta, quindi potrebbe volerci qualche minuto prima di recapitare i messaggi. Poiché ogni secondo è importante, con SOS emergenze via satellite, iPhone pone subito una serie di domande vitali per valutare le condizioni dell’utente e mostra come posizionare il telefono per collegarlo al satellite. Il questionario iniziale e i messaggi di follow-up vengono inoltrati a centri con personale specializzato formato da Apple che chiamerà i soccorsi per conto della persona coinvolta.

Grazie a questa tecnologia, in assenza di rete cellulare o Wi-Fi, è possibile condividere manualmente la propria posizione via satellite tramite Dov’è, e avere così una sicurezza in più quando ci si inoltra in aree prive di connessioni internet.

A novembre, SOS emergenze via satellite sarà disponibile negli Stati Uniti e in Canada, e il servizio resterà gratuito per due anni. Non sappiamo quando il servizio verrà attivato anche in Italia, ma ci sarà bisogno di accordi specifici. In Nord America, Apple ha stilato una partnership con Globalstar.

PromoProva Audible fino a 3 mesi gratis!
News