Uomo arrestato per aver venduto migliaia di iPhone rubati sul posto di lavoro

L'uomo ordinava gli iPhone 7 per la sua azienda, ma poi li rubava e li rivendeva.

Un uomo di Meriden, nel Connecticut, è stato arrestato dopo essere stato scoperto ad aver ordinato 2.000 iPhone 7 da Verizon usando il suo account di lavoro, ma ne aveva distribuiti solo 200 ai dipendenti. I restanti 1.800 erano stati rubati e poi rivenduti.

uomo arrestato

Brian Pearsall, 45 anni, lavorava in una società di gestione dei rifiuti pericolosi chiamata Tradebe e “usava la sua posizione per rubare una grande quantità di iPhone dall’azienda e poi li vendeva per il proprio guadagno personale“. Pearsall era autorizzato a ordinare telefoni nuovi o sostitutivi dal portale online di Verizon Wireless, che poi venivano addebitati a Tradebe.

Il 6 agosto del 2019, un rappresentante di Verizon ha contattato Tradebe dopo che un audit aveva mostrato che oltre 2.000 iPhone 7 erano stati acquistati nei 12 mesi precedenti per 99 centesimi ciascuno. Solo 200 di questi, però, erano stati attivati sull’account Tradebe. Quando un dipendente ha inviato un’e-mail a Pearsall per chiedere cosa stesse succedendo, lui avrebbe semplicemente risposto che li stava rubando per rivenderli.

L’uomo è stato arrestato e accusato di furto di primo grado e comparirà alla Meriden Superior Court il prossimo 20 agosto.

iPhone 13 Pro disponibile su

Curiosità