Il governo cinese ha sfruttato un famoso hack per spiare gli iPhone dei musulmani uiguri

Migliaia di musulmani uiguri sarebbero stati spiati dal governo cinese.

Il governo cinese ha utilizzato un particolare hack per iPhone allo scopo di spiare i musulmani uiguri e avere il controllo totale dei loro telefoni.

app ios a rischio cocoapods

Il report afferma che gli hacker cinesi che sono riusciti a sfruttare questo hack su iPhone hanno più volte partecipato al concorso annuale Pwn2Own progettato per scoprire e sfruttare le vulnerabilità di sicurezza zero-day. Gli hacker vincono premi in denaro e i problemi vengono segnalati alle società interessate in modo che possano essere risolti prima che i dettagli vengano condivisi pubblicamente.

Il MIT Technology Review afferma che tutto è cambiato nel 2017, quando il CEO di una grande azienda tecnologica cinese ha accusato i partecipanti del suo paese di slealtà.

In una dichiarazione inaspettata, il miliardario fondatore e CEO del gigante cinese di sicurezza informatica Qihoo 360, una delle più importanti aziende tecnologiche in Cina, ha criticato pubblicamente i cittadini cinesi che si sono recati all’estero per partecipare a competizioni di hacking. In un’intervista al sito di notizie Sina, Zhou Hongyi ha affermato che le buone performance in tali eventi rappresentavano solo un successo “immaginario”. Zhou ha avvertito che a molti hacker del suo paese è stato vietato di partecipare a questi concorsi o di mostrare hack minori, così che il governo cinese potesse averne il controllo.

Un hack scoperto nel 2018 aveva portato ad un premio di 200.000$ e riguardava una catena di exploit che permetteva di prendere il controllo degli iPhone più recenti in modo semplice e veloce. Sfruttando il browser web Safari, un utente malintenzionato poteva assumere il controllo da remoto di qualsiasi iPhone che visitava una pagina Web contenente il codice dannoso. È il tipo di hack che può essere potenzialmente venduto per milioni di dollari sul mercato per dare ai criminali o ai governi la possibilità di spiare un gran numero di persone. Apple lo risolse circa due mesi dopo, ma nel frattempo era stato utilizzato dal governo cinese per spiare gli iPhone dei musulmani uiguri.

L’incidente è grave” conclude Zhou. “Una delle élite cinesi di sicurezza ha hackerato un iPhone e ha ottenuto il plauso del pubblico e una grande quantità di denaro per farlo. Praticamente dall’oggi al domani, l’intelligence cinese l’ha usata come arma contro un gruppo etnico minoritario assediato, colpendo prima che Apple potesse risolvere il problema. È stato un atto sfacciato compiuto in pieno giorno e con la consapevolezza che non ci sarebbero state conseguenze di cui parlare”.

Cosa ne pensate?

iPhone 12 Viola in sconto su

News