DuckDuckGo attacca Google sulla privacy per le etichette di App Store

Un tweet di DuckDuckGo attacca Google mettendo a confronto le proprie etichette privacy con quelle delle app di Moutain View.

Come ben sappiamo Apple ha imposto a tutti gli sviluppatori di indicare, tramite alcune etichette, quali sono i dati degli utenti raccolti dalle proprie app. Il ritardo di Google ha fatto certamente molto rumore, viste le diverse settimane di attesa. A fronte della pubblicazione DuckDuckGo è partito all’attacco di Google, sfruttando proprio le etichette privacy.

duckduckgo

Il motore di ricerca concorrente di Google da tempo si propone come alternativa rispettosa della privacy e attacca Mountain View proprio a seguito della pubblicazione delle etichette privacy. Il motore di ricerca, con un tweet, sferra un duro attacco a Google mettendo a confronto la propria etichetta privacy con quella delle app Google e Chrome, decisamente più “voraci” di dati personali degli utenti.

Dopo mesi di stallo, Google ha finalmente rivelato quanti dati personali raccoglie con l’app Google e Chrome. Non ci meraviglia il fatto che volessero nasconderlo. Spiare gli utenti non ha nulla a che fare con la creazione di un ottimo browser web o motore di ricerca. Lo sapremmo (la nostra app è entrambe in una).

L’azienda ci tiene insomma a rimarcare come il proprio cuore pulsante sia la privacy e la navigazione sicura, un aspetto ormai sempre più al centro dell’attenzione. Le etichette sulla privacy per Google e Chrome segnalano l’accesso a dati come posizione, cronologia di navigazione, informazioni finanziarie, cronologia delle ricerche e altro. Tali dati sono collegati all’utente per effettuare operazioni quali analisi, personalizzazione e pubblicità di terze parti.

La battaglia di DuckDuckGo è sicuramente ammirevole ma non sarà facile scardinare dalle abitudini degli utenti un colosso come Google, sempre saldo al vertice dei motori di ricerca.

Apple iPhone 13 Pro Max in sconto su

News