AirPods perde quote di mercato, ma Apple guida il settore degli auricolari true wireless

Gli auricolari AirPods di Apple hanno perso quote di mercato durante il 2020.

La quota di mercato degli AirPods è scesa dal 41% al 29% in nove mesi, secondo i dati pubblicati oggi da Counterpoint.

airpods 3

Malgrado questo importante calo, Apple rimane saldamente al primo posto, visto che tutti gli altri produttori hanno quote di mercato molto più basse.

Nel quarto trimestre del 2019, Apple aveva però una quota del 41% e ben il 62% di tutte le entrate del settore degli auricolari true wireless. Nel terzo trimestre, invece, la quota è scesa al 29% senza però alcun calo nelle vendite degli AirPods, visto che questo dato è legato al fatto che la concorrenza, soprattutto quella fatta di auricolari molto economici, ha avuto una crescita anno su anno dell’83%.

Come conferma CounterPoint, infatti, nel 2020 metà dei primi 10 marchi di auricolari wireless hanno venduto dispositivi tra i 20 e i 50 dollari. Grazie a questa strategia, ad esempio, Xiaomi ha consolidato il secondo posto, beneficiando anche del fatto che sempre più produttori di smartphone stanno rimuovendo gli auricolari con cavo dalle confezioni.

La tendenza alla rimozione di auricolari con cavo dalle confezioni sta diventando un grande motore per la crescita del segmento TWS“, afferma Liz Lee, analista senior di Counterpoint Research. “Aiuta anche il fatto che il consumo di supporti mobili continui a crescere, rendendo TWS il prossimo accessorio indispensabile”.

Counterpoint riporta che la quota del 29% di Apple è più del doppio di quella del suo concorrente più vicino, Xiaomi, mentre Samsung è al terzo posto con solo il 5%.

I nuovi AirPods 3 e AirPods Pro 2 attesi nel 2021 dovrebbero consolidare ancora di più la posizione di Apple.

AirPods Max disponibili su

Dati di vendita