Il caricatore MagSafe funziona a 15W, ma solo con l’alimentatore Apple da 20W

Se vuoi sfruttare tutta la potenza del caricatore MagSafe, l'unica alternativa sembra quella di utilizzare l'alimentatore USB-C da 20W di Apple.

Il caricabatterie MagSafe consente di ricaricare in modalità wireless iPhone 12 e iPhone 12 Pro fino a 15W, ma solo e soltanto se collegato ad un particolare alimentatore. Almeno per il momento.

Nella confezione del caricatore MagSafe (45€) non è presente alcun alimentatore, per cui molti utenti utilizzeranno alimentatori USB-C già presenti in casa. Il problema è che il caricabatterie MagSafe funziona al massimo della sua potenza (15W) solo se collegato all’adattatore USB-C da 20W di Apple (25€).

Lo YouTuber Aaron Zollo di Zollotech ha testato diverse opzioni di alimentatori sia Apple che di terze parti con iPhone 12 Pro e un caricabatterie MagSafe, utilizzando un apposito strumento per misurare la potenza effettiva. Accoppiato con l’alimentatore da 20W offerto da Apple, il caricabatterie MagSafe ha raggiunto con successo i 15W, ma nessun altro alimentatore ha fornito le stesse velocità.

Il vecchio alimentatore da 18W di Apple che è stato sostituito dalla nuova versione da 20W è in grado di caricare l’iPhone 12 Pro con MagSafe ad una potenza massima di 13W. Utilizzando alimentatori originali o di terze parti superiori ai 20W (compresi modelli da 96W), MagSafe ricarica l’iPhone 12 Pro ad un massimo di 10W.

Ecco alcuni risultati abbinando un particolare alimentatore al caricatore MagSafe:

  • Alimentatore Apple da 20W ricarica a 15W
  • Alimentatore Apple da 18W ricarica a 13W
  • Alimentatore Apple per MacBook Pro da 96W ricarica a 10W
  • Anker  PowerPort Atom PD 1 30W ricarica da 7,5W a 10W
  • Alimentatore Aukey da 65W ricarica da 8W a 9W
  • Caricabatterie Pixel 4/5 ricarica da 7,5W a 9W
  • Caricabatterie Note 20 Ultra ricarica da 6 W a 7 W

Per la massima velocità di ricarica con il caricabatterie MagSafe e un ‌iPhone 12‌ o 12 Pro, è quindi necessario l’alimentatore Apple da 20 W. Le aziende di terze parti dovranno realizzare nuovi caricabatterie che utilizzano il particolare profilo di potenza che Apple sta utilizzando per fornire la quantità ottimale di energia anche sul caricatore MagSafe. Fino ad allora, l’unica alternativa è quella fornita da Apple.

I test condotti da Aaron Zollo confermano anche che Apple sta utilizzando sistemi molto avanzati per controllare la temperatura dell’iPhone sotto carica, in modo che il MagSafe possa ridurre la potenza al di sotto dei 10W per evitare surriscaldamenti. Le velocità migliori di ricarica con MagSafe si raggiungono quindi con l’alimentatore Apple da 20W e un iPhone senza custodia, così da consentire una migliore dissipazione del calore.

I vecchi iPhone, come l’11 Pro Max e l’8 Plus, caricano a circa 5W con il caricabatterie MagSafe e l’adattatore di alimentazione da 20W di Apple. Come abbiamo già visto nei giorni scorsi, non vale quindi la pena utilizzare il caricatore MagSafe sui vecchi iPhone.

Lo stesso vale per i telefoni Android. Il caricabatterie MagSafe supporta tecnicamente la ricarica wireless Qi e può funzionare con i dispositivi Android, ma in questo caso l’accessorio arriva ad una potenza di soli 1,5W.

AirPods Max disponibili su

News