Morgan Stanley e il futuro di Apple nel settore delle auto

Gli analisti di Morgan Stanley hanno pubblicato un'interessante nota su Apple e Tesla e sul loro futuro nel settore delle auto.

Morgan Stanley ha pubblicato una nuova nota per gli investitori in cui l’analista Katy Huberty analizza i suoi pensieri su Apple, Tesla e il futuro di entrambe le società nell’ambito automotive.

Huberty spiega innanzitutto che ci sono parallelismi che possono essere tracciati tra la Apple di Steve Jobs e la Tesla di Elon Musk.

Ci sono parallelismi da tracciare tra AAPL sotto Steve Jobs e Tesla sotto Elon Musk. La domanda per Tesla è se ha bisogno anche di un leader operativo, come Tim Cook è per Apple, al fine di diventare un’azienda da mille miliardi di dollari. Oltre a mantenere la cultura di innovazione, design ed esperienza dei clienti nello stile di Steve Jobs e della sua Apple, l’attuale leadership ha attraversato un intenso periodo di ridimensionamento delle entrate, questioni sociali come la privacy dei dati, maggiore attenzione ai rendimenti degli azionisti e ha intensificato i rischi geopolitici che hanno contribuito alla crescita delle sue valutazioni.

Huberty sottolinea inoltre che gli analisti considerano Tesla simile a come hanno visto Apple 20 anni fa, il che significa che Tesla è un’azienda innovatrice in una categoria che ha bisogno di innovazione.

E della strategia di Apple per auto e trasporti? Huberty spiega che mentre la società non ha ancora annunciato o divulgato alcun dettaglio, Apple vede l’industria automobilistica come una grande opportunità. Huberty e altri analisti di Morgan Stanley stimano che Apple spenderà 19 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo quest’anno.

L’obiettivo finale per Apple, scrive Huberty, non può essere solo una “versione più avanzata di CarPlay“. Invece, l’azienda deve controllare tutto sulla piattaforma che crea:

La società non ha rivelato molti dettagli, ma crediamo che Apple veda l’auto, insieme ad altri mercati come la salute e i pagamenti, come un grande mercato in cui  può contribuire a fornire una soluzione migliore. Ci aspettiamo che Apple spenda quasi 19 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo quest’anno, in crescita di oltre 10 miliardi rispetto a soli cinque anni fa.

Se questa cifra si confronta con gli 80-100 miliardi di dollari di spesa annuale totale in ricerca e sviluppo per l’intero settore automobilistico, l’impatto di Apple potrebbe essere dirompente. Storicamente, Apple ha più successo quando integra tutto verticalmente e non vediamo alcun motivo per cui il loro approccio al settore automobilistico dovrebbe essere diverso. In altre parole, dovranno avere un controllo maggiore di quello che hanno oggi. Il gioco finale non può essere solo una versione più avanzata di CarPlay in collaborazione con altri produttori di automobili. Devono controllare il design, le viscere e le esperienze e i servizi sulla piattaforma.

Insomma, nel lungo periodo Tesla e Apple potrebbero essere concorrenti.

News