Tim Cook esorta Trump a rimanere nell’Accordo di Parigi

I CEO delle più importanti aziende tech degli Stati Uniti hanno firmato una lettera per esordare il presidente Trump e non uscire dall'Accordo di Parigi.

Tim Cook, insieme ai CEO di altre importanti aziende americane come Sundar Pichai di Google e Satya Nadella di Microsoft, ha firmato una lettera aperta per sollecitare l’amministrazione Trump a mantenere gli Stati Uniti all’interno dell’Accordo di Parigi.

apple ambiente

L’Accordo di Parigi è un accordo tra gli stati membri della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ), riguardo la riduzione di emissione di gas serra, e la finanza, a partire dall’anno 2020. L’Accordo mira quindi a combattere i cambiamenti climatici, con lo scopo di contenere l’aumento della temperatura media globale al di sotto della soglia di 2°C oltre i livelli pre-industriali, e di limitare tale incremento a 1.5 °C.

Sotto l’amministrazione Obama, gli Stati Uniti hanno firmato l’accordo a Parigi nel 2015 insieme ad altri 190 paesi. Ora, Trump e il suo governo vogliono uscire dall’accordo per tutta una serie di preoccupazioni di natura economica.

Cook e gli altri amministratori delegati che hanno firmato la lettera ritengono invece che l’Accordo di Parigi possa dare una spinta all’economia.

Rimanere nell’Accordo di Parigi rafforzerà la nostra competitività nei mercati globali, posizionando gli Stati Uniti come guida nello sviluppo di nuove tecnologie a supporto della transizione, da fornire ai nostri lavoratori e comunità, e di creare posti di lavoro e aziende costruite per durare nel tempo. La promessa dell’Accordo di Parigi è quella di un mondo giusto e prospero. Esortiamo gli Stati Uniti a unirsi a noi per restare nell’Accordo.

La lettera è stata preparata da AFL-CIO, la più grande federazione di sindacati negli Stati Uniti, che rappresenta oltre 12,5 milioni di lavoratori nel paese.

News