Altro che sicurezza, lo sblocco facciale del Google Pixel 4 funziona anche con gli occhi chiusi [U: Google cambia idea]

Il Pixel 4 non è proprio il terminale più sicuro quando si tratta di sblocco del dispositivo tramite riconoscimento facciale. Ecco perché.

Google ha integrato un sensore di riconoscimento del volto sui nuovi Pixel 4 e 4 XL con l’obiettivo, a quanto pare mal riuscito, di offrire sicurezza sui propri dispositivi.

AGGIORNAMENTO: a pochi giorni dalla notizia che il Pixel 4 può essere sbloccato anche se il proprietario ha gli occhi chiusi, Google fa marcia indietro e spiega che entro pochi mesi verrà rilasciato un aggiornamento correttivo che farà funzionare lo sblocco facciale solo se l’utente ha gli occhi aperti:

Abbiamo lavorato su un’opzione per consentire agli utenti di sbloccare il telefono solo con gli occhi aperti, che verrà implementata in un aggiornamento software nei prossimi mesi. Nel frattempo, se gli utenti di Pixel 4 sono preoccupati che qualcuno possa prendere il proprio telefono e provare a sbloccarlo mentre gli occhi sono chiusi, possono attivare una funzione di sicurezza che richiede un pin, una sequenza o una password per lo sblocco successivo.

A differenza del Face ID presente sugli iPhone, che al momento rimane il sistema di riconoscimento facciale più sicuro tra quelli presenti su qualsiasi altro smartphone, il sistema ideato da Google funziona anche se il proprietario ha gli occhi chiusi. Per Google si tratta di una funzione normale, ed infatti è evidenziata anche nelle caratteristiche tecniche dei Pixel 4:

Il tuo dispositivo può essere sbloccato da un’altra persona se viene rivolto verso il tuo viso, anche se hai gli occhi chiusi. Tieni il telefono in un luogo sicuro, ad esempio nella tasca anteriore o nella borsa

Più che un sistema di sicurezza, per Google il riconoscimento del volto è una funzione che rende più comodo e veloce sbloccare lo smartphone. Poter sbloccare un Pixel 4 anche con gli occhi chiusi, infatti, apre tutta una serie di potenziali rischi.

LEGGI ANCHE: iPhone 11 Pro Max e Google Pixel 4 XL, quali sono le differenze?

Quella che Google presenta come una funzione dei nuovi terminali, in realtà permette a chiunque di sbloccare il Pixel 4 semplicemente posizionandolo di fronte al proprietario che sta dormendo o, peggio, è privo di sensi. Sul web si parla anche di ipotesi più macabre, visto che potenzialmente è possibile sbloccare lo smartphone anche se il proprietario è morto.

Il Face ID di Apple, invece, richiede che il proprietario abbia gli occhi aperti e rivolga l’attenzione verso lo schermo perché il dispositivo possa sbloccarsi. Opzione che può comunque essere disattivata dalle impostazioni dell’iPhone.

Insomma, anche i nuovi Pixel 4 di Google presentano qualche carenza di sicurezza per quanto riguarda una procedura importantissima come quello dello sblocco del terminale.

Cosa ne pensate?

Curiosità