Il nuovo indice dei prezzi ci dice quanto è davvero aumentato il costo degli iPhone

Acquistare l’ultimo iPhone in Italia ci costa il 52% in più rispetto al primo iPhone lanciato nel 2007. I dati emergono dal nuovo indice sui prezzi pubblicato da Darren Kingman.

Questo indice sui prezzi degli iPhone tiene traccia delle variazioni effettive in base alla convenienza reale al netto dell’inflazione e di altri parametri. Per completare l’indice, Kingman ha anche confrontato il PIL pro capite di ciascun paese e i tassi di cambio dal 2007.

Tenendo conto del prodotto interno lordo, dell’inflazione e di altri parametri, emerge che acquistare oggi un iPhone in Italia costa il 52% in più rispetto al primo modello lanciato nel 2007. In Irlanda, la differenza al netto di tutti i vari parametri è solo del 2%, mentre negli Stati Uniti si sale al 54%. Nel Regno Unito, il costo al netto dei vari parametri è del 133% in più. Le differenze tra i vari paesi hanno a che fare con il potere d’acquisto e il modo in cui le retribuzioni hanno tenuto il passo con l’aumento del costo della vita. Ad esempio, l’economia irlandese è cresciuta molto più velocemente di quella di altri paesi durante gli ultimi 12 anni, tanto che la differenza “reale” di prezzo tra il primo e l’ultimo iPhone è davvero bassa.

“Essenzialmente, sappiamo tutti che il prezzo di un iPhone è aumentato enormemente nel corso degli anni, ma con questo indice volevo scoprire come questi cambiamenti di prezzo sono stati percepiti da paese in paese in base al potere d’acquisto. Le differenze sono scioccanti, dal momento che gli iPhone attuali sono telefoni meno unici rispetto a quelli rilasciati nel 2007 e nel 2008. E’ come comprare Bitcoin ai massimi storici senza saperlo“, ha detto Darren Kingman.

Apple ha sempre affermato che l’iPhone non è un dispositivo economico da produrre e che si posiziona comunque in una fascia alta, ma ultimamente ha anche ammesso che ci sono problemi di prezzo, soprattutto in alcuni mercati.

Cosa ne pensate?

News