Processo contro Qualcomm, si ritira un testimone chiave di Apple

08 marzo 2019 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Uno dei testimoni chiave nel processo che vede Apple accusata di aver violato alcuni brevetti Qualcomm, uno dei testimoni chiave dell’azienda di Cupertino ha deciso di ritirarsi e di non rispondere alle domande degli avvocati.

Il testimone chiave è l’ingegnere Arjuna Siva, che avrebbe dovuto confermare quanto detto nei giorni scorsi dagli avvocati Appleuno dei brevetti Qualcomm si basa in realtà su un’idea presentata alla società proprio da uno degli allora ingegneri Apple.

Nello specifico, il brevetto in questione riguarda un metodo che con sentiva al dispositivo di connettersi immediatamente ad internet una volta acceso e risparmiare spazio all’interno del dispositivo.  Per quanto riguarda l’iPhone, tale tecnologia consente ad Apple di evitare l’installazione di memoria non volatile sia per il processore della serie A di iPhone sia per un processore modem wireless.

Secondo Apple, tale idea sarebbe stata presentata dal suo ex ingegnere Arjuna Siva agli ingegneri Qualcomm in una e-mail portata come prova in tribunale. Siva, però, ha affermato che il suo nuovo legale gli ha consigliato di non rispondere alle domande della stessa Apple e per questo non intende prendere parte al processo. L’unica strada che ora può intraprendere Apple è quella di citare a giudizio Siva, ma le probabilità che questo accada sono molto basse.

Non è chiaro esattamente perché Siva non stia aiutando Apple, ma un legale dell’azienda ha notato che il nuovo consulente di Siva è un ex partner di Quinn Emanuel, lo studio legale che sta rappresentando Qualcomm. I legali Apple hanno accusato Qualcomm di manomissioni dei testimoni e ha avvisato che Apple non ha intenzione di chiamare Siva a parlare, visto che ora è considerato un “testimone contaminato“.

Il legale David Nelson di Quinn Emanuel ha negato l’accusa di sabotaggio di testimoni: “Non mi arrabbio molto spesso, ma questo lo considero un attacco personale!”. 

Il giudice Sabraw ha risposto suggerendo alla corte di continuare a esaminare gli eventi delle ultime ore, ma ha detto all’avvocato Nelson che al momento non ci sono prove di legami tra il suo studio e Arjuna Siva.

La battaglia tra Apple e Qualcomm si fa sempre più accesa.

Ricordiamo che il processo riguarda tre brevetti che Qualcomm sostiene siano stati violati da Apple. Il primo brevetto consente ad uno smartphone di connettersi rapidamente ad internet una volta acceso il dispositivo; un altro brevetto riguarda l’elaborazione grafica e la gestione della batteria; il terzo e ultimo brevetto consente alle app del telefono di scaricare i dati più facilmente e più velocemente indirizzando il traffico tra il processore e il chip modem.

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.