Tim Cook parla al meeting degli azionisti: iPhone X, Apple Watch e tanto altro!

14 febbraio 2018 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

Ieri si è tenuto il meeting annuale degli azionisti Apple, organizzato per la prima volta allo Steve Jobs Theater dell’Apple Park. Poche le sorprese “istituzionali”, mentre sono state molto interessanti alcune dichiarazioni di Tim Cook nella sezione di Q&A con gli stessi azionisti.

L’incontro si è aperto con un video sui clienti che utilizzano Apple Watch, seguito da un discorso della nuova responsabile legale di Apple, Katherine Adams, che ha esaminato i dettagli delle azioni Apple e ha letto il regolamento agli investitori prima di avviare le votazioni.

La votazione

Il voto più importante, almeno formalmente, era quello per eleggere il nuovo consiglio di amministrazione. Nessuna sorpresa, con tutti i membri confermati (tra i quali James Bell, Tim Cook, Al Gore, Bob Iger, Andrea Jung, Art Levinson, Ron Sugar e Sue Wagner). Unica nota di colore, un azionista che non ha votato per protesta e si è lamentato del fatto che Apple ha smesso di sviluppare Aperture nel 2015 e che sta perdendo il contatto con i lavoratori, tanto che lui utilizza ancora iOS 9 per non passare agli update successivi.

Un altro azionista ha fatto notare che nel consiglio ci sono solo due donne, mentre un terzo partecipante ha chiesto che Apple realizzi un iPhone ancora più impermeabile, “capace di resistere anche se suo figlio lo lascia nella vasca da bagno per diverse ore…“. C’è anche chi ha chiesto maggiori informazioni sulle qualifiche dei vari membri del consiglio di amministrazione.

Dopo la rielezione del consiglio, sono stati approvati i punti 2 (Ratificare la nomina di Ernst & Young LLP come società di contabilità pubblica indipendente per il 2018) e 4 (Approvare il piano Non-Employee Director Stock Plan modificato e riformulato).

Gli azionisti hanno anche chiesto ad Apple di creare un comitato per i diritti umani che studi la potenziale dipendenza da iPhone tra i bambini. Questo problema ha ricevuto molta attenzione a inizio anno, tanto da spingere Apple a promettere controlli parentali aggiuntivi. Non ci sarà alcun nuovo comitato, perchè Apple ha spiegato di aver già destinato alcune risorse a questo tipo di problematica.

Q&A

Se le votazioni non hanno riservato sorprese, molto più interessante è stata la sessione di domande e risposte tra gli azionisti e il CEO di Apple Tim Cook.

Cook ha aperto la sessione condividendo un dato su iPhone X: il nuovo smartphone Apple ha raggiunto il 99% di soddisfazione del cliente. Inoltre, viene confermato che questo modello ha venduto più di ogni altro iPhone nel terzo trimestre del 2017. Inoltre, ora Apple ha quasi 1 miliardo di abbonati tra iCloud e Apple Music.

Per quanto riguarda Apple Watch, Beats e AirPods, Cook ha affermato che da sola la categoria indossabili di Apple si avvicina alle dimensioni di un’azienda presente nella classifica Fortune 300 (quindi, tra le 300 aziende più grandi al mondo in termini di fatturato). La scorsa estate, questa categoria Apple rientrava nella classifica Fortune 500. Un bel passo avanti!

A proposito di acquisizioni, Cook fa sapere che Apple ha acquisito 19 società nel 2017. Inoltre, l’azienda ha speso 12 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo. Ad oggi, Apple ha 123.000 dipendenti a tempo pieno e prevede di assumerne altri 20.000 nel 2018.

Tim Cook ha poi parlato dei continui sforzi della società per migliorare la diversità in azienda e per condividere dati con le forze di polizia quando ci sono casi su cui investigare. Viene fatto anche riferimento a Telegram, recentemente entrata nella bufera dei contenuti pedopornografici. Per quanto riguarda la diversità, il 50% delle nuove assunzioni in Apple del 2017 hanno riguardato donne o minoranze etniche sottorappresentate.

Un azionista ha poi chiesto se ci sono piani per un suo successore alla carica di CEO, aggiungendo però che finalmente la stampa si è resa conto dell’ottimo lavoro che sta facendo Tim Cook. L’attuale CEO ha detto che per natura il suo lavoro prevede di preparare dei candidati interni, ma che se vuole il Consiglio potrà selezionarne anche uno esterno. Tim Cook ha quindi confermato che ogni riunione del consiglio del consiglio di amministrazione  ha avuto una pianificazione della successione all’ordine del giorno, non solo per il CEO, ma per tutti i ruoli esecutivi chiave all’interno dell’azienda.

Sul tema dei pagamenti mobile, Tim Cook ha detto che Apple Pay non ha sostituito i contanti in modo aggressivo come ci si aspettava qualche anno fa, ma l’adozione continua a crescere in tutto il mondo.

Parlando di salute e tecnologia, Cook ha affermato che Apple crede molto in questo settore e che si muoverà per fare sempre il meglio a favore dei pazienti.

La discussione si è poi spostata sulla riforma fiscale in atto negli Stati Uniti, che potrebbe permettere ad Apple di rimpatriare il capitale conservato all’estero pagando meno tasse. Cook ha detto che molte aziende USA conservano il denaro all’estero, e che fino ad oggi Apple non ha rimpatriato i suoi profitti a causa di un’aliquota fiscale considerata troppo elevata. In ogni caso, ora Apple prevede di riportare negli USA circa 350 miliardi di dollari da investire nel paese.

Sono poi stati trattati altri temi come quello sulle blockchain e sui dividendi speciali, per i quali Cook ha detto di non essere un grande sostenitore.

Infine, si è parlato della vendita al dettaglio. Tim Cook ha elogiato il lavoro di Angela Ahrendts e ha detto che l’azienda punterà sempre di più sugli Apple Store fisici (“Crediamo che l’interazione con le persone continui a battere qualsiasi altra cosa“), organizzando iniziative pensate appositamente per i clienti.

Come ultima domanda, un azionista ha chiesto a Tim Cook se era possibile fare un tour dell’Apple Park. Il CEO ha risposto che il centro visitatori è destinato a tale scopo, poiché gran parte del lavoro che si svolge all’interno dell’Apple Park è confidenziale. Partendo da questa domanda, Tim Cook si è lasciato andare ad una battuta: “Mantenere la segretezza in un azienda grande come Apple è molto difficile. Raggiungere questo obiettivo è la rovina della mia esistenza!“. Tra l’altro, Tim Cook ha tenuto a precisare che l’Apple Park è una zona vietata ai droni e che l’azienda si sta muovendo per denunciare eventuali violazioni (in rete ci sono diversi video dell’Apple Park registrati tramite droni).

Apple ha attivato anche una serie di segnali luminosi per informare gli utenti. Insomma, Apple non è contenta dei tanti video dedicati all’Apple Park presenti già su YouTube.

 

 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.