Recensione Vernee Mars: niente più scuse! – TEEECH | VIDEO

Dopo Thor e Apollo Lite, come promesso, torniamo a parlarvi della giovane azienda Vernee e del suo ultimo smartphone. Si chiama Vernee Mars e nelle intenzioni dell’azienda questo smartphone dovrebbe andare ad impensierire Apple e il suo iPhone 7. Ci riuscirà? Scopriamolo nella nostra recensione!

Vernee Mars è il terzo smartphone realizzato da Vernee ed è anche quello che è probabilmente riuscito meglio all’azienda. Lo smartphone è realizzato in alluminio (tramite un processo di anodizzazione e sabbiatura) e in mano restituisce un piacevole feeling, per nulla cheap. La scocca posteriore è poi leggermente curvata ai bordi in modo da migliorare l’ergonomia generale del telefono che risulta davvero ottima. Ma se Mars si impugna così bene è anche grazie al peso ridotto e ad un aspetto che a Vernee piace sottolineare. Questo è infatti – a detta dell’azienda – lo smartphone da 5.5 pollici più “stretto” in commercio, ed effettivamente si tratta di un pro da non sottovalutare. In mano, infatti, Mars sembrerà a tutti gli effetti un comunissimo smartphone da 5.2” e si potrà utilizzare benissimo con una mano.

schermata-2016-10-30-alle-11-51-15

Sulla parte anteriore del telefono troviamo la fotocamera secondaria, la capsula auricolare e il LED di notifica, oltre che il bellissimo schermo da 5.5 pollici di cui parleremo più avanti. Sulla cornice troviamo, in basso, il microfono principale, l’ingresso USB-C e l’altoparlante; in alto è situato unicamente l’ingresso jack da 3.5mm; sulla sinistra abbiamo l’ingresso per la doppia SIM (una in formato Nano e l’altra in formato Micro) oppure per una SIM e per una microSD per espandere i 32 GB di memoria integrata; sulla destra dello smartphone sono situati il bilanciere del volume, il tasto di accensione e, subito sotto a questo, il sensore biometrico. Sensore biometrico che funzionava meglio su questo Mars rispetto a quelli montati su Thor e su Apollo Lite, ma sfortunatamente il sensore ha smesso completamente di funzionare durante la nostra prova dello smartphone. Questo problema ci era già capitato su Apollo Lite e avevamo temporaneamente risolto con un ripristino del telefono alle impostazioni di fabbrica, ma il problema si ripresentò a qualche giorno di distanza. Sulla parte posteriore del telefono troviamo, intanto, un design delle antenne davvero familiare: la somiglianza con iPhone 7 è infatti è chiarissima. In alto è situata la fotocamera principale, accompagnata dal dual-LED flash, mentre in basso troviamo il logo di Vernee.

schermata-2016-10-30-alle-11-51-22

Su Vernee Mars troviamo un schermo da 5.5 pollici IPS in risoluzione Full HD – protetto da Gorilla Glass 3 – che sfrutta la stessa tecnologia In-Cell presente su iPhone 7, in grado di restituire dei colori vividi (e settabili tramite MiraVision) e di ridurre il gap tra il vetro e l’LCD. Molto buona anche la luminosità, che si regola anche bene in automatico, e i contrasti. Non proprio perfetti gli angoli di visione: infatti da angolazioni estreme lo schermo tenderà leggermente al giallino. Presente anche il filtro per la luce azzurra, attivabile dalle impostazioni. Inoltre è stato migliorato il feedback di vibrazione rispetto a quelli “cheap” di Thor e Apollo Lite.

schermata-2016-10-30-alle-11-51-33

A livello hardware il telefono è mosso da un processore Helio P10 octacore da 2,3 GHz accompagnato da 4 GB di RAM. Le prestazioni sono ottime e leggermente al di sopra della categoria. Nell’uso quotidiano non si riscontrano rallentamenti e anche nelle prove di gaming il telefono si è comportato piuttosto bene. Lo speaker è di qualità discreta, anche se il volume di riproduzione raggiunge livelli davvero alti.

schermata-2016-10-30-alle-11-51-53

A livello di connettività troviamo il supporto all’LTE (manca però la banda degli 800 Mhz), al WiFi a/b/g/n/ac e al Bluetooth 4.0 anche se mancano l’NFC, la porta ad infrarossi e la radio FM. Buona la ricezione e anche l’audio in chiamata, sia dalla capsula che dallo speaker. Buono anche il microfono, infatti nelle nostre prove non abbiamo mai ricevuto lamentele riguardo la qualità del nostro audio.

schermata-2016-10-30-alle-11-52-04

A bordo di Vernee Mars c’è Android 6.0.1 Marshmallow in versione praticamente stock. L’esperienza di utilizzo è piacevole e sempre fluida. Le opzioni di personalizzazione però sono limitate e si potranno infatti soltanto modificare i pulsanti di navigazioni. Non sono nemmeno presenti tutte le classiche funzionalità degli smartphone MediaTek ma unicamente la possibilità di programmare accensione e spegnimento. Presente, però, anche il Turbo download.

schermata-2016-10-30-alle-11-55-22

Parliamo ora delle fotocamere di Vernee Mars. Trattandosi di uno smartphone con chip MediaTek, le aspettative non erano delle più rosee in partenza, ma Vernee aveva già dimostrato di poter stupire con i sensori montati su Thor e su Apollo Lite. In questo caso troviamo una fotocamera posteriore da 13 megapixel con sensore Sony e partirà pari ad f/2.0, accompagnata da un dual-LED flash che convince negli scatti al buio. La fotocamera anteriore è una 5 megapixel con sensore Samsung. La qualità degli scatti è piuttosto buona, a patto di avere un’illuminazione sufficiente. Al buio, infatti, gli scatti di Mars deludono un po’. Non male i selfie, anche se la fotocamera anteriore risulta davvero poco grandangolare ed eccessivamente “stretta”. Questo ci costringerà ad allungare davvero tanto il braccio per non tagliare involontariamente porzioni dello scatto che stiamo componendo. Non male nemmeno i video che possono essere acquisiti fino alla risoluzione 1080p.

schermata-2016-10-30-alle-11-55-28

La batteria di Vernee Mars è da 3000 mAh e supporta la ricarica rapida V-Charge che consente di ricaricare lo smartphone del 50% in soli 30 minuti. L’autonomia è buona, anche se non ottima. Si arriva a cena con un utilizzo intenso e a fine giornata con un utilizzo standard del telefono.

schermata-2016-10-30-alle-11-52-42

Buona la terza? Buona la terza. Ma con qualche riserva, cara Vernee. Il tuo Mars va bene: ha un ottimo schermo, prestazioni più che accettabili, audio discreto, fotocamere passabili. Purtroppo però ti porti dietro alcuni difetti “storici” che avevamo notato su Thor, su Apollo Lite e ora anche su Mars. Un sensore biometrico veramente insufficiente, un’autonomia leggermente al di sotto delle aspettative, una connettività buona ma non completa e un software con cui si potrebbe osare di più. Ma per il momento va bene così e questo Mars è di sicuro il miglior smartphone realizzato da Vernee.

Se siete interessati, potete acquistare Vernee Mars da GearBest ad un prezzo di circa 225€. La spedizione avverrà in modo sicuro e rapido tramite DHL.

News