China Labor Watch: “Alla Pegatron i dipendenti lavorano più di 60 ore a settimana”

22 ottobre 2015 di Giuseppe Migliorino (@GiusMigliorino)

China Labor Watch ha condotto un’indagine sotto copertura scoprendo che nelle fabbriche Pegatron dove si producono iPhone e iPad, il 58% dei lavoratori lavora costantemente oltre le 60 ore settimanali.

Schermata 2015-10-22 alle 16.40.32

Il limite era stato imposto anche da Apple, ma a quanto pare Pegatron non sta rispettando le direttive. Inoltre, sembra che il lavoro straordinario dei vari dipendenti, che dovrebbe essere solo volontario, viene imposto dai dirigenti.

In media, la gran parte dei dipendenti ha lavorato 20 ore in più a settimana come “straordinario” non volontario. Si tratta quindi di una situazione che lede i diritti dei lavoratori e che dovrà presto essere corretta. Apple ha più volte ribadito che le aziende cinesi che non rispetteranno i diritti fondamentali dei lavoratori non avranno più commesse. Tra l’altro, pare che Pegatron falsifichi i documenti che mensilmente invia ad Apple sulle ore di lavoro dei dipendenti.

Tra l’altro, i neo-assunti vengono costretti a firmare un documento che attesta l’avvenuta frequentazione di un corso di formazione sulla sicurezza, voluto anche da Apple. Sembra, però, che questi corsi non siano mai stati avviati realmente.

Secondo China Labor Watch ci sono stati dei miglioramenti dal 2013 ad oggi, ma i limiti rimangono e sono ancora molto rilevanti. Intanto, in una recente intervista Tim Cook ha rassicurato la Cina, affermando che, malgrado la crisi, Apple continuerà ad investire nel paese.

[via]

 

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.