Here Maps per iOS: siamo dinanzi all’ennesimo rivale per le Mappe di Apple? – La recensione di iPhoneItalia

20 novembre 2012 di Andrea Cervone (@AndreaCervone)
FEATURED

È disponibile da poco su App Store il client ufficiale per iOS di Here, il nuovo servizio di Nokia che mira ad offrire agli utenti una terza alternativa a Google Maps dopo le mappe di Bing e la recente introduzione delle Apple Maps in iOS 6. Incuriositi da Here, non abbiamo perso tempo e abbiamo subito deciso di provare in modo intenso l’applicazione sui nostri dispositivi. Here è un servizio valido? Si tratta dell’ennesimo rivale per le Mappe di Apple? Scopritelo leggendo la nostra recensione completa.

Nokia ha recentemente reso disponibile su App Store l’applicazione Here Maps, software universale e gratuito che consente di accedere alle mappe dell’azienda finlandese da iPhone, iPod touch e iPad. Here in realtà non è altro che una riproposizione, in versione riveduta e corretta, delle vecchie mappe già utilizzate da Nokia nelle ultime versioni di Symbian. Tuttavia i miglioramenti apportati al software sono stati tali da suscitare una certa curiosità negli utenti. Here sarà veramente all’altezza di Google Maps e di Apple Maps? Scopriamolo insieme.

[app 577430143]

L’applicazione ufficiale di Here per iOS è sviluppata da Nokia gate5 GmbH, pesa solo 3.7 MB (destinati ad aumentare di parecchio a seguito dell’archiviazione di mappe in locale) ed è compatibile con iPhone, iPod touch e iPad. Richiede iOS 4.3 o successive ed è ottimizzata per il Display Retina dell’iPhone 5.

A primo impatto il software ricorda molto l’interfaccia presente sui recenti Nokia montanti Windows Phone. Non a caso, infatti, Here sarà parte integrante dei prossimi terminali dell’azienda finlandese basati sulle ultime versioni del sistema operativo mobile di Microsoft. Ma concentrandoci su Here per iOS, l’applicazione si presenta con un’interfaccia grafica molto semplice e forse un po’ troppo squadrata, tanto da risultare leggermente fuori luogo su iPhone e iPad.

In alto troviamo la barra di ricerca che ci permette di individuare con precisione un punto sulla mappa o di ricercare una determinata location tramite parole chiave. Stando alle nostre prove, la ricerca di Here si è comportata quasi sempre bene: “quasi” perché in alcuni casi, piuttosto che preferire, come le mappe di Apple, una soluzione ad un’altra in base all’importanza dei luoghi ricercati (abbiamo provato con il Colosseo) ci ha indicato luoghi che non avevano nulla a che fare con ciò che stavamo cercando ma condividevano con essi solo una parte del nome.

Parlando sempre della ricerca, una caratteristica interessante di Here è data invece dalla possibilità di “sfogliare” i risultati corrispondenti alla nostra ricerca tramite degli appositi rettangoli che verranno visualizzati nella parte inferiore dello schermo. Qui troveremo il nome completo del punto di interesse, un’icona che identificherà la tipologia di POI, la via in cui è situato, i chilometri necessari per raggiungerlo e, solo per gli edifici e i monumenti, anche delle stelle di valutazione.

Tra le altre opzioni di Here degne di nota troviamo la navigazione step-by-step. Un po’ nascosta nell’interfaccia dell’applicazione (si dovrà premere sul pulsante in alto a sinistra), la navigazione offerta da Here vi permetterà di raggiungere un punto di interesse usufruendo delle indicazioni stradali offerte da Nokia. Queste potranno essere ottenute sia dagli automobilisti che dai pedoni. Eventualmente si potranno anche ottenere delle informazioni sui trasporti pubblici attivi in una determinata area (nelle città più piccole il servizio potrebbe non essere disponibile). Sfortunatamente, pur essendo presenti, le indicazioni audio dell’applicazione al momento non sembrano funzionare correttamente e anche la navigazione stessa non è all’altezza di Google Maps e delle Mappe di Apple.

Per quanto riguarda, invece, la qualità e la copertura delle Mappe di Nokia, i risultati sono soddisfacenti ma non troppo. In particolare, a differenza delle Mappe di Apple, il servizio risulta più preciso nel mostrare la forma degli edifici anche in modalità “Mappa”.

Ad esempio, sempre prendendo in esempio il Colosseo, sulle Mappe di Apple notiamo solo un grosso ovale grigio, mentre su Here abbiamo una rappresentazione fedele delle fattezze dell’edificio. Nel complesso, però, le mappe di Here peccano in interattività (praticamente non si può interagire in alcun modo con le mappe) e non sono pienamente ottimizzate per il Display Retina dei prodotti Apple più recenti. Anche le indicazioni sui punti di interesse sono piuttosto scarse, molte meno rispetto alle Mappe di Apple.

L’applicazione supporta diverse tipologie di visualizzazione: abbiamo l’interfaccia standard “Map view” in cui abbiamo una cartografia completa delle diverse aree; l’interfaccia “Satellite” che invece utilizza delle immagini reali riprese dai satelliti (qualitativamente inferiori a quelle di Apple); troviamo poi l’interfaccia per conoscere la situazione del traffico e quella per ottenere indicazioni sui trasporti pubblici. Di sicuro le ultime due tipologie di visualizzazione potevano essere integrate nella visuale di default, così come su Google Maps e Mappe di Apple, mentre così si rischia solo di rendere meno pratico l’utilizzo di ogni singola visuale.

Le mappe potranno essere inoltre salvate in locale (operazione che farà aumentare il peso complessivo dell’applicazione a seconda della quantità di informazioni che deciderete di salvare) per essere utilizzate anche in assenza di connessione ad Internet. L’utente potrà selezionare una determinata area e quindi procedere con il salvataggio della mappa. Questa funzione è presenta anche su Google Maps e nelle Mappe di Apple: queste ultime, addirittura, eseguono l’operazione in automatico, senza che l’utente debba effettuarla manualmente.

Molto interessanti sono invece le funzioni sociali di Here: oltre a poter condividere su Facebook e Twitter i dettagli sulla posizione geografica, i punti di interesse visitati, e ancora altro, Here da accesso – previo login con il sito di Nokia – ad una vera e propria community in cui gli utenti possono caricare e modificare le mappe, esattamente come già sperimentato da un software di navigazione molto noto (Waze, gratuito su App Store). La Community View è attualmente vuota, ma con il passare dei mesi verrà popolata da utenti che condivideranno le proprie mappe con tutti gli altri, o almeno questa è l’aspettativa di Nokia.

Sempre per quanto riguarda le opzioni sociali, accedendo con il proprio account Nokia, è anche possibile creare delle “Collezioni” di aree, luoghi o punti preferiti che si desidera visitare nel prossimo futuro. In questo modo, gli utenti potranno archiviare una serie di posizioni geografiche come se fossero dei promemoria e decidere, di tanto in tanto, di raggiungere una di queste utilizzando le indicazioni stradali offerte da Here e di cui abbiamo già parlato in precedenza.

Ovviamente Here supporta funzioni basilari per un software di questa categoria come la localizzazione istantanea della posizione GPS, la possibilità di visualizzare le distanze in chilometri o miglia, l’indicazione di eventuali incidenti, aree di lavoro o code che potrebbero verificarsi in strada, ed è anche possibile segnalare eventuali problemi direttamente a Nokia.

Totalmente assente, in Here, il supporto alle mappe tridimensionali, anche se l’azienda finlandese ha fatto sapere che in futuro verranno implementati alcuni modelli 3D nei client nativi del servizio. Stesso discorso per funzioni simili a Street View di Google che in Here non sono presenti.

Dispiace al momento che l’applicazione non sia disponibile in lingua italiana e che le mappe di Here e alcuni elementi dell’interfaccia non siano pienamente compatibili con il Retina Display dei prodotti Apple.

Complessivamente l’applicazione funziona bene, pur essendoci qualche piccola indecisione: ad esempio, ingrandendo l’area visualizzata con un pinch-to-zoom, si noterà una certa lentezza nell’esecuzione del comando e lo zoom ottenuto sarà diverso da quello che si era precedentemente impostato. Un’altra imperfezione, come già detto in precedenza, riguarda le indicazioni stradali vocali che non sempre funzionano in modo corretto.

Insomma, se dovessimo rispondere alla domanda posta in apertura, al momento è difficile decretare che Here possa proporsi come valida alternativa a Google Maps e alle Mappe di Apple, almeno su piattaforma iOS. Il software, per quanto realizzato con cura e nonostante includa delle funzioni molto interessanti, non stupisce e non soddisfa.

Ad ogni modo, il nostro consiglio è quello di scaricare l’applicazione Here da App Store e provarla per qualche giorno in modo completamente gratuito. Solo così, infatti, potrete farvi un’idea più completa sulle effettive qualità di Here per iOS.

Aggiornamento – ecco lo statement ufficiale di Nokia relativo ai problemi riscontrati da alcuni utenti con Here:

Siamo lieti che l’applicazione HERE Maps per dispositivi iOS, che offre agli utenti iPhone l’accesso al sistema cartografico più avanzato al mondo, abbia suscitato così tanto interesse. L’applicazione web-based in HTML5 è solo un punto di partenza. Nonostante i limiti, che d’altronde si riscontrano su qualsiasi applicazione web-based, siamo infatti in grado di offrire gratuitamente agli utenti iPhone importanti funzionalità, tra cui la ricerca degli itinerari, il calcolo dei percorsi e molto altro. Naturalmente, in qualità di leader nei servizi location-based, HERE intende ottimizzare l’esperienza di localizzazione su tutte le piattaforme, al fine di ottenere lo stesso livello di qualità che caratterizza le applicazioni disponibili per la nostra gamma di dispositivi Lumia.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.