Emulatore Commodore 64 rifiutato da Apple

Lo sviluppatore Manomio fa sapere che Apple ha rifiutato un’applicazione che consente di emulare il mitico Commodore 64 su iPhone.

commodore64

L’emulatore era dotato di regolare licenza e tra le caratteristiche principali aveva:

  • Emulazioni suono SID
  • Auto salvataggio
  • Joystick e tastiera classiche Commodore 64
  • Modalità landscape
  • Full screen mode.

Manomio, dopo aver lavorato un anno al progetto e aver ottenuto la licenza dai legali rappresentanti della Commodore, prima di continuare e portare a termine il progetto aveva chiesto un parere ad Apple sulla possibilità di poter pubblicare un emulatore su AppStore.

Apple rispose con entusiasmo, dicendo che non ci sarebbe stato nessun problema.

A progetto finito, invece, dopo aver inviato l’applicazione ad Apple per la consueta approvazione, è arrivata la doccia fredda: l’emulatore non è stato accettato e non verrà pubblicato su AppStore!

Ecco la motivazione ufficiale:

Thank you for submitting C64 1.0 to the App Store. We’ve reviewed C64 1.0 and determined that we cannot post this version of your iPhone application to the App Store because it violates the iPhone SDK Agreement; “3.3.2 An Application may not itself install or launch other executable code by any means, including without limitation through the use of a plug-in architecture, calling other frameworks, other APIs or otherwise. No interpreted code may be downloaded and used in an Application except for code that is interpreted and run by Apple’s Published APIs and built-in interpreter(s)

In pratica l’emulatore viola una norma dell’SDK che vieta alle applicazioni di utilizzare altro codice eseguibile, richiamare altri framework e altre API che non siano quelle consentite espressamente da Apple.

Effettivamente, stando alle regole, Apple avrebbe anche ragione, se non che su AppStore sono presenti altri emulatori, come quello della SEGA, camuffato per far partire i giochi Sonic e Golden Axe

Che a Cupertino usino due pesi e due misure in base all’importanza dello sviluppatore?

[via]

News