Hard Lines: Snake 2.0 - la recensione di iPhoneItalia - iPhone Italia

Hard Lines: Snake 2.0 – la recensione di iPhoneItalia

27 giugno 2011 di Ebe Buzzi

Hard Lines è una reinterpretazione moderna e graficamente intrigante del primo e più classico gioco per cellulari: il celeberrimo Snake, quasi un pezzo di storia per chiunque abbia vissuto negli anni ’90. E se Snake non è certo famoso per il suo gameplay, Hard Lines capitalizza in modo geniale l’idea iniziale ma aggiunge personalità, un tocco di humor e una grafica moderna e minimalista.

Hard Lines, in realtà, non è altro che un semplice gioco arcade. Se state cercando un’esperienza più duratura e coinvolgente di un paio di minuti, non sarà questo titolo a darvela. E se state cercando una full immersion in un mondo di magia… lasciate stare. Hard Lines non è certo una rivoluzione, ma re-inventa in maniera ironica e intelligente il più vecchio dei giochi per cellulare. Come?

Innanzitutto dando una forte personalità a tutto: dalla grafica ai testi, passando per il gameplay e le musiche, tutto in Hard Lines è assolutamente originale e profondamente coerente. Le protagoniste di questo gioco, le linee, sono rappresentate come delle luci al neon, in maniera luminosa e variopinta. Ma non solo: non vogliono saperne di essere delle banali ed anonime linee e hanno tutte una loro personalità! Mentre si spostano sul loro piccolo schermo nero parlottano, commentano, discutono tra di loro sulla vita, l’universo, le loro reciproche inimicizie… Spesso e volentieri le loro chiacchiere tra linee distraggono anche il giocatore: ed è una delle cose migliori del gioco!

Hard Lines presenta un’idea semplicissima, ma la arricchisce in ogni modo: non solo grazie ad una curatissima presentazione grafica, pulita e minimale ma al tempo stesso moderna e piena di colore. I contenuti che offre sono anche decisamente cospicui, con ben sei differenti modalità di gioco. Il gameplay è sempre simile, ed è fondamentalmente quello di Snake: le altre linee vano evitate, gli “oggettini luminosi” vanno catturalti. Ma partendo da questa premessa le varianti non mancano!

In quella Survival si deve semplicemente cercare di mantenere la propria linea in vita per il maggior tempo possibile. Per farlo dovrete evitare di farla incrociare non solo con sè stessa e con i margini dello schermo (proprio come nel classico Snake) ma anche con altre linee che le attraverseranno la strada. La modalità Gauntlet propone la stessa dinamica, ma con una cospicua differenza: le linee in gioco sono davvero tantissime, e la difficoltà aumenta in maniera esponenziale. La modalità Dead Line invece da al giocatore 3 minuti per totalizzare il massimo punteggio possibile: forse la meno ispirata della serie, anche per colpa del lasso di tempo relativamente lungo che non riece più di tanto ad invoglia. Più brillante è il modo Time Attack, una lotta contro il tempo dove si devono conquistare secondi preziosi ingollando oggettini luminosi. Poi c’è la modalità Pinata, dove si deve cercare di distruggere le altre linee mandandole a sbattere contro di noi. E infine non manca la modalità Snake, quella più classica: occorre rimanere vivi e collezionare gli oggettini luminosi in giro per lo schermo, mentre la propria linea continua ad allungarsi.

Insomma: sempre lo stesso gioco, ma la varietà davvero non manca. E se certe modalità risultano poco più di un riempitivo e non sembrano più di tanto ispirate (come la Time Attack) ad altre basta qualche variazione per rendere il gioco completamente nuovo: è il caso del modo Pinata, per esempio, che presenta una svolta decisamente “offensiva” basata sulla freddezza di riflessi, la strategia, e la voglia di osare. E se tutto questo non vi dovesse bastare, Hard Lines introduce 3 sistemi di controllo diversi, basati su gestures differenti, in modo da lasciar libero anche il giocatore più smaliziato di trovare la tecnica che più gli si adatta.

Insomma, è difficile non rimanere colpiti dalla varietà e dalla qualità di Hard Lines. Il modo con cui questo gioco recupera un concept vecchissimo (e francamente mai più di tanto coinvolgente) e lo rimette al passo coi tempi è davvero una pagina interessante di porting iOs. Al di là di ogni valutazione, è una ricetta quasi infallibile per fare un buon titolo arcade: 1 idea semplice, 6 modalità di gioco, 3 schemi di controllo, grafica accattivante Quanto Basta, personalità a piene mani. Se eravate fan di Snake non potete perdervelo. Se come me lo avete sempre trovato un gioco decisamente stupido, Hard Lines potrebbe farvi cambiare idea…

Hard Lines è disponibile su App Store a 0,79 €

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Bel gioco, bella recensione. Lo consiglio agli amanti dell’azione arcade semplice e adrenalitica. Il sistema di comandi è simile a quello di Silverfish, ma lì la sensibilità dei comandi è regolabile.

  • Pingback: Confessioni di un gamer incapace()