Meganoid: retro platform di classe – la recensione di iPhoneItalia

Maganoid è un micro-platform di sapore retro, che offre tanta azione frenetica in dosi monoporzione. Sarebbe troppo facile dire che somiglia per molti aspetti a League of Evil… la verità è che i giochi di questo tipo stanno diventando quasi un genere a se su App Store, con parecchi titoli davvero molto validi (come Mos Speedrun, giusto per citarne uno): partite veloci, che richiedono un buon grado di abilità ma che non portano via ore di tempo, perfette per l’iPhone.

L’iPhone, come piattaforma, tende a ridurre un po’ tutti i generi in “versione snack”, riducendo la durata delle partite… ed è comunque bello vedere come ci siano giochi che vanno controcorrente e rendono l’azione “breve ma intensa”: va bene il casual gaming, ma perchè rendere un gioco troppo facile? E’ una filosofia che sta dietro a titoli di discreto impegno, le cui partite richiedono pochi minuti, ma che fanno comunque sudare i giocatori.

Meganoid va in questa direzione, e ricalca alcune formule collaudate in League of Evil, senza però rinunciare a qualche elemento nuovo. La storia è completamente trascurabile ma ci vede seguire le gesta di un goffo omino con il caschetto che a quanto pare è un eroe, anche se non proprio di prima categoria. Ci sono scienziati, invasioni aliene, segrete da esplorare e tutto il tipico corollario di sciocchezze che si incontra di norma in giochi di questi tipo.

La meccanica è semplice: un susseguirsi di schemi di gioco di ritdotte dimensioni, fatti di salti, piattaforme che scompaiono, aculei che si muovono, nemici da prendere a casse in testa etc. In ogni livello c’è un punto di inizio e uno di fine, e dobbiamo cercare di attraversarlo: a disposizione abbiamo 3 vite, ma il loro utilizzo è molto relativo, perchè ogni volta che si muore si ricomincia dall’inizio. Inoltre in ogni quadro sono presenti due obbiettivi bonus: di tempo e di “diamanti” (dei grossi monetoni quadrati di colore arancione, disseminati in giro per i livelli). Concludere il livello prima che finisca il tempo sblocca il primo obbiettivo: diversamente da altri giochi di questo tipo, la difficoltà non è particolarmente elevata e solitamente se non si muore si conclude il livello in pochissimo tempo.

Un discorso a parte meritano invece i diamanti. Trovarli tutti non è affatto semplice: alcuni sono in bella mostra, ma decisamente difficili da raggiungere (quando non apparentemente impossibili). Altri invece non si vedono proprio! Semplicemente, non ci sono… sono nascosti dietro a insidiosissimi passaggi segreti e vanno stanati con saldi e operazioni di vario tipo. Inoltre i diamati sono soggetti ad una bizzarra forza di gravita e quando noi ci avviciniamo cadono: se a volte è utile perchè rende il loro recupero più facile, in altre occasioni complica parecchio le cose, perchè detti diamanti finisco inevitabilmente per finire in pozzi pieni di aculei o in buchi dove non è più possibile raggiungerli.

Se finire il livello per tempo non è complesso, trovare tutti i diamanti non richiede solo abilità ma anche una certa dose di strategia. Grazie a questo inserimento Meganoid si differenzia un po’ dagli altri giochi del suo genere. Pur restando inferiore a quel capolavoro che è League of Evil, questo è un gioco di squisita fattura, che con i suoi 70 livelli potrà regalare parecchio filo da torcere ad ogni appassionato. Forse non è così difficile da meritarsi il disclaimer “This game is not easy!”, ma senza dubbio è una piacevole alternativa a quei giochini che si finiscono in un lampo.

Sbloccare in un livello entrambe le stelle, quella del tempo e quella dei diamanti permette di giocare il quadro in una seconda modalità. Si guida un altro personaggio, chiamato Sarge e se il livello rimane lo stesso, diventa sensibilmente più impegnativo, con nuovi ostacoli, nuovi nemici e parecchie difficoltà in più.

Per quanto riguarda la grafica, Maganoid è davvero un omaggio agli anni ’90: pixellosissimo e vagamente fluo, è una vera festa 8-bit per gli occhi, con musiche adeguate e un po’ tunze che rimangono in testa anche dopo aver spento il gioco. Questo è un gioco che difficilmente potrà non piacere agli appassionati dei platform retro… ma è un titolo che consiglierei a chiunque voglia farsi una partita veloce con qualcosa di non banale. I contenuti e la tecnica ci sono. Il gameplay, anche. L’unico limite è quello di non essere originale ai livelli di League of Evil, ma è una colpa davvero secondaria, in un titolo di questa qualità.

Meganoid è disponibile su App Store a 0,79 €

Applicazioni App Store